stampa
Dimensione testo
DOPO LE PROTESTE

Almaviva, nuovo vertice al ministero: prosegue la trattativa per evitare gli esuberi

Sono riprese le trattative al ministero dello Sviluppo economico tra azienda, governo e sindacati sulla crisi del gruppo Almaviva, che ha annunciato 2.988 esuberi a Palermo (1.670), Roma (918) e Napoli (400)

PALERMO. Sono riprese le trattative al ministero dello Sviluppo economico tra azienda, governo e sindacati sulla crisi del gruppo Almaviva, che ha annunciato 2.988 esuberi a Palermo (1.670), Roma (918) e Napoli (400). Secondo quanto riferiscono fonti sindacali, presenti all'incontro in corso a Roma, il colosso dei call center avrebbe prospettato l'ipotesi di "sospendere" le procedure di licenziamento collettivo a Palermo, Roma e Napoli, subordinandole, però, alla rinegoziazione di un accordo che preveda il ricorso fino a dicembre ai contratti di solidarietà nei siti a rischio esuberi (Palermo, Roma e Napoli), e alla definizione di un'intesa con il governo su stop alla delocalizzazioni, applicazione dell'art 24 bis e inasprimento delle sanzioni per chi delocalizza. Almaviva avrebbe, quindi, espresso la propria disponibilità a discutere ad oltranza per addivenire ad un'intesa.

Due giorni fa, nella sede romana degli industriali, ai sindacati l'azienda ha illustrato la medesima proposta, ma Slc Cgil, Uilcom Uil, Fistel Cisl e Ugl hanno espresso la propria contrarietà, perché il ricorso alla solidarietà a Palermo, Roma e Napoli, potrebbe avere l'effetto di "rinviare" a fine anno gli esuberi, nel caso in cui l'azienda non riuscisse a fuoriuscire dalla crisi. Per questo i sindacati hanno avanzato una proposta che prevede di estendere la solidarietà ai 6 siti di Almaviva in Italia, non solo a tre. Alla riunione oltre al viceministro Teresa Bellanova, al sottosegretario all'Istruzione Davide Faraone, ai vertici del gruppo, ai sindacati, sono presenti, tra gli altri, il vicepresidente della Regione siciliana, Mariella Lo Bello, il sindaco di Palermo Leoluca Orlando e l'assessore comunale alle Attività produttive Giovanna Marano.

Per il viceministro allo Sviluppo economico Teresa Bellanova il governo è pronto ad andare "fino in fondo" e a trattare ad "oltranza" per trovare una soluzione sulla crisi del gruppo Almaviva. Lo riferiscono fonti sindacali presenti all'incontro in corso al ministero dello Sviluppo economico, a Roma sui 2.988 esuberi annunciati a Palermo, Roma e Napoli. Il vice ministro ha, quindi, proposto di incontrare separatamente l'azienda e sindacati per studiare una possibile soluzione. In questo momento il governo sta incontrando i vertici della società; dopo sarà la volta delle organizzazioni dei lavoratori.

Secondo quanto riferiscono fonti sindacali presenti all'incontro, l'azienda al Mise avrebbe sostenuto che estendere la solidarietà a tutti i sei siti di Almaviva Contact, e non solo ai tre per i quali ha avviato le procedure di mobilità, potrebbe compromettere la tenuta economica dell'intero gruppo Almaviva. La società, però, avrebbe "aperto" all'ipotesi di "congelare" gli esuberi a Palermo, Roma e Napoli, e negoziare con i sindacati un accordo che preveda il ricorso fino a dicembre ai contratti di solidarietà nei tre siti a rischio esuberi (Palermo, Roma e Napoli), e definire un'intesa con il governo su stop alla delocalizzazioni, applicazione dell'art 24 bis e inasprimento delle sanzioni per chi delocalizza.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X