PUNTA RAISI

Orlando: l'aeroporto di Palermo non verrà privatizzato

PALERMO. «Rispedisco la proposta di privatizzazione al mittente e cioè alla Vicari, alla quale ricordo che intendiamo mantenere la proprietà pubblica dell'aeroporto di Palermo e aver allontanato un dirigente che mi risulta essere un collaboratore del sottosegretario. Quelli che hanno il vizietto della privatizzazione 'calinò le manì».

Lo ha detto il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando ai cronisti in conferenza stampa a Palazzo delle Aquile, riferendosi alle dichiarazioni del sottosegretario ai Trasporti Simona Vicari che nei giorni scorsi aveva auspicato la privatizzazione dello scalo aeroportuale.

Così Simona Vicari nei giorni scorsi, intervistata dal Giornale di Sicilia: «Il governo nazionale è impegnato a reperire i fondi, 15,5 milioni di euro per garantire la continuità territoriale a Lampedusa e Pantelleria. Ma le tratte sociali non possono risolvere il problema degli scarsi afflussi turistici in Sicilia, serve sviluppare un efficiente sistema di trasporto aereo e la privatizzazioni degli aeroporti è la via migliore. La Sicilia conta 5 milioni di abitanti, il Nord Est 15, ma nel 2015 entrambe le aree hanno fatto registrare spostamenti di 14 milioni di passeggeri  complessivi. Dato che indica che in Sicilia il turismo non incide più di tanto sui voli aerei. Nel Nord Est abbiamo un 80 per cento di voli internazionali, in Sicilia solo il 25 per cento».

«È necessario che in Sicilia si cambi mentalità. Il caso di Palermo è emblematico: quello del capoluogo siciliano rimarrà, tra i grandi aeroporti nazionali, l'unico aeroporto pubblico dopo che anche Catania avrà portato a termine la quotazione in borsa che ha annunciato, sul modello seguito recentemente con successo dall'aeroporto di Bologna». Secondo la Vicari «Palermo dovrebbe, in primo luogo, realizzare quell'accorpamento con Trapani previsto dal Piano Nazionale degli Aeroporti recentemente approvato dal Governo nazionale, in modo da realizzare il previsto sistema della Sicilia occidentale, così come è già stato realizzato quello della Sicilia orientale tra Catania e Comiso. Il passo successivo dovrebbe poi essere quello della privatizzazione di entrambi gli aeroporti per diventare realmente competitivi e contribuire allo sviluppo economico della Sicilia, come sta avvenendo ad esempio in Toscana con la fusione degli aeroporti di Firenze e Pisa e come potrebbe succedere in Lombardia con la fusione di Bergamo con Linate e Malpensa».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X