stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Cresce la crisi degli alberghi, più di 500 lavoratori sono a rischio a Palermo e provincia
TURISMO

Cresce la crisi degli alberghi, più di 500 lavoratori sono a rischio a Palermo e provincia

di
Tra ex Jolly e Centrale Palace 29 licenziamenti, più di 400 in bilico con i contratti stagionali e l’esternalizzazione dei servizi

PALERMO. Crisi del lavoro nel settore alberghiero. Secondo le stime della Filcams Cgil a Palermo e provincia sono oltre 500 i lavoratori del settore che rischiano ripercussioni: dalla perdita del lavoro - per la chiusura delle strutture ricettive o per la riduzione di personale - alla decurtazione dello stipendio, per via della stagionalizzazione di molti alberghi.

Le cause di questa preoccupante deriva, secondo la Filcams, sono molteplici, a cominciare «dall'assenza della programmazione turistica a livello regionale», dice Monja Caiolo, segretario provinciale della Filcams palermitana. Anche se gli indicatori turistici segnano un incremento delle presenze in città, le strutture ricettive faticano, soprattutto nel periodo considerato di bassa stagione, da novembre a marzo «e per oltre 400 lavoratori si prospettano contratti stagionali, esternalizzazione di servizi e contratti a chiamata, tutte formule che si trasformano in perdite di denaro per i lavoratori».

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE  

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X