stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Le giornate del Fai a Palermo: il Grand Hotel et des Palmes come ai tempi di Wagner
LA SCHEDA

Le giornate del Fai a Palermo: il Grand Hotel et des Palmes come ai tempi di Wagner

Palermo, Cultura
Grand Hotel et des Palmes

Eredità Liberty e simbolo di cultura e storia della città di Palermo, il Grand Hotel et des Palmes nel 2021 è ritornato alla sua originaria bellezza dopo un totale intervento di restauro, seguendo la visione originale di Ernesto Basile, che il tempo aveva cancellato, raccontando il desiderio di integrare la struttura originaria, senza perdere mai di vista la memoria dei luoghi.

Inaugurato il primo ottobre 1877, l’immobile sorge sulla prestigiosa casa appartenuta a Benjamin Ingham. Per lungo tempo fu il più rinomato fra gli alberghi di lusso di Palermo. Nel 1881 soggiornò, tra gli altri, anche Richard Wagner con la moglie. Fu proprio qui che tra il novembre 1881 e il luglio 1882, l’artista completò la partitura del Parsifal.

L’opera di restauro ha riproposto il carattere domestico della residenza borghese degli Ingham, preservando il nucleo originario e restituendo la funzionalità degli ambienti ridisegnati dal Basile. Il Giardino d’Inverno ritrova oggi la sua originaria bellezza. Le ritmiche decorazioni pittoriche del Gregorietti, che sovrastano i tetti lignei, rinvengono la luce naturale delle vetrate. Queste si affacciano nuovamente su aiuole ricche di bouganville, gelsomini, piante esotiche e altri arbusti, come al tempo della realizzazione della sala. Il recupero delle superfici decorate è stato condotto da personale specializzato nel settore del restauro. Inoltre, particolare attenzione è stata posta nel recupero delle vetrate policrome, eseguite probabilmente su disegno di Paolo Bevilacqua e dello stesso Salvatore Gregorietti. Nella grande hall è stata recuperata la pavimentazione esistente in marmo, i due banconi laterali invece sono stati sostituiti da un grande bancone centrale per l’accoglienza posizionato al centro delle quattro colonne d’ordine gigante, in asse con l’ingresso. Nelle salette, oggi lounge e bar, sono stati integrati gli arredi storici esistenti con divani in stile, preservando la magia di un hotel leggendario. In equilibrio tra estetica e funzionalità, le camere e le suite dialogano con la storia, il design e l’innovazione. L’armonia dell’ospitalità del grande albergo si esplica in un ambiente sontuoso ed elegante, nel quale colori, materiali e arredi danno vita a riuscite affinità stilistiche. Fiore all’occhiello è la suite presidenziale Wagner, al primo piano dell’hotel. La suite Wagner, 154 metri quadrati, fu la dimora del maestro Richard Wagner durante il suo soggiorno a Palermo in occasione della scrittura del Parsifal, del quale conserva ancora oggi ogni particolare, tra i quali il piano gran coda che il suocero, Franz Liszt, gli regalò. In quello che un tempo era il salone delle feste sorge oggi il neo-bistrot con all’interno un imponente bar aperto sia agli ospiti dell’hotel che agli esterni.

Grand Hotel des et Palmes

Via Roma 398 - Palermo
Apertura: domenica 27 marzo - 3 turni di visita: 11.30 - 15.30 - 16.30

Palermo, dal liberty al barocco: ecco i tesori delle giornate del Fai, schede e foto

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X