stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Musiche senza confini, a Palermo Rosellina Guzzo e gli En Plein Air
LA RASSEGNA

Musiche senza confini, a Palermo Rosellina Guzzo e gli En Plein Air

musica, Palermo, Cultura
Rosellina Guzzo

Prosegue "Musiche senza confini", la rassegna di musiche "altre" a Palermo. Il prossimo appuntamento è in programma sabato 10 ottobre al Cre.Zi.Plus, alle 21.30 con Rosellina Guzzo e gli En Plein Air.

Strumenti a percussione acustici ed elettronici al fianco di melodie scritte e pensate per il pianoforte che conducono in un’atmosfera che dal Mediterraneo giunge al Nord Europa, in Oriente e fino in Sudamerica. Sono questo gli En Plein Air, ensemble guidato dalla pianista e performer Loredana Paolicelli, che si esibirà sabato 10 ottobre, alle 21.30, al Cre.Zi.Plus dei Cantieri Culturali della Zisa di Palermo, nell’ambito del festival Musiche senza confini.

Il concerto sarà preceduto dalle sonorità dell’electroharp blu di Rosellina Guzzo. Gli En Plain Air sono: Loredana Paolicelli al piano, Michele Ciccimarra alle percussioni e Francesco Rondinone ai pads. Si tratta di un progetto che nasce come sperimentazione sonora proposta da ARTEria per Rete CRESCO e Fondazione Matera Basilicata nel 2019, in occasione di Matera Balloon Festival.

Il progetto è stato presentato ufficialmente per VIVAVERDI 2015, occasione nella quale è stato registrato l’album “En Plein Air” dove la materia sonora viene mescolata, amplificata e “sporcata” da suoni panici, legati ai cinque elementi della natura che si rifanno alle visioni di paesaggi che vanno dal Mediterraneo al Nord Europa, dall’Oriente al Sudamerica fino all’Afroamericano.

Una sorta di Land Music dove la natura costituisce il filo rosso di questo lavoro che si presenta come un paesaggio geografico, uno antropologico ed uno psicologico. “Da pianista di background classico mi ritengo semplicemente un'amante delle visioni sonore, come dice Guido Barbieri-spiega Loredana Paolicelli - per questo intendo offrire al pubblico sempre un’asse di ascolto sensoriale ed emotivo- sentimentale con assoluta autenticità ed intensità timbrica e dinamica. Senza pudore rivelo e svelo la mia vita interiore: genesi e creazione del mondo, viaggi oltreoceano, nostalgie, reflui di vita, atmosfere tribali, sapere e sapori di casa lucana, boschi di fate, betulle nord europee, tanghi quasi esorcizzanti, atmosfere americane in luoghi isolati da Bagdad Cafè, En Plein Air è questo: visioni e paesaggi”.
Rosellina Guzzo, diplomata in arpa, si dedica da anni allo studio di questo strumento. Il suo repertorio spazia dalla musica leggera moderna, al folk e al blues. Suona una electroharp blu, strumento di moderna concezione, dalle potenti sonorità e dall’immagine elegante e al contempo innovativa, con il quale ottiene particolari effetti espressivi.

Con gli “Aes Dana” (gruppo fondato nel 1982 a Palermo da Giuseppe Leopizzi) Rosellina Guzzo ha suonato insieme ai Chieftains, Jacqui McShee, Gerry Conway, Paddy Keenan, Mairtin O’Connor ed ha inoltre partecipato a vari festival internazionali di arpa pop & jazz.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X