DAL 6 AL 15 APRILE

Al Teatro Biondo di Palermo in scena "Aspettando Godot" di Beckett

PALERMO. Il capolavoro di Samuel Beckett, "Aspettando Godot", debutta al Teatro Biondo di Palermo domani sera, venerdì 6 aprile, alle 21,00. È il testo che ha segnato il '900 teatrale, scritto in francese dall’autore inglese, perfettamente bilingue, che è uno dei padri del teatro dell’assurdo.

In scena due balordi, interpreti dell’assenza di senso del mondo e persino del linguaggio, dell’incapacità umana a comunicare, e soprattutto a trovare punti di riferimento solidi. Il '900 così viene rappresentato in un scena vuota, con un solo albero, nell’attesa che arrivi Godot, che mai arriverà.

Godot è il personaggio di cui tutti parlano, invano, e nella radice del nome fa chiaramente riferimento a Dio. Maurizio Scaparro, maestro della scena teatrale italiana, firma la regia e finalmente, a 85 anni, arriva a Beckett. «Per me - afferma il regista - Beckett non ha più nulla di avanguardistico, è un classico del '900, che parla di noi e della più profonda cultura europea».

Torna a Palermo dopo il successo dello scorso anno con "L'Italiana in Algeri" al Teatro Massimo. Gli interpreti sono tutti attori navigati ed esperti, da Antonio Salines a Luciano Virgilio, ad Edoardo Siravo e Fabrizio Bordignon. Resta in scena fino al 15 aprile.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X