AL MOLTI VOLTI

A Palermo parte "Cucina sapurita": laboratori culinari per l'integrazione

Il primo appuntamento è lunedì 14 dicembre alle 20 al “Moltivolti”, in via Mario Puglia 21, a Palermo

PALERMO. L’integrazione inizia a tavola: condividere  ricette e piatti tipici per sviluppare il dialogo interculturale fra le diverse comunità etniche della città. Prende il via “Cucina sapurita”, il progetto del nodo di Palermo di Mondo Comunità e Famiglia, che consiste in un “laboratorio” di integrazione culturale attraverso un corso di  cucina etnica.L’obiettivo del progetto è favorire l’incontro e il dialogo tra persone provenienti da Paesi diversi  attraverso la condivisione del cibo e lo scambio di ricette tradizionali.

Durante gli incontri laboratoriali, di volta in volta,  i partecipanti di ciascun Paese cucineranno e presenteranno, insegnando agli altri, una pietanza tipica della propria tradizione culinaria.

Il primo appuntamento, aperto al pubblico su invito, sarà domani14 dicembre, a partire dalle  20.00,  all’interno del ristorante e spazio co-working “Moltivolti”, in via Mario Puglia 21, a Ballarò.

Protagonista della serata sarà la “Caponata siciliana”  nelle sue tre varianti: l’originaria con il pesce capone; l’aristocratica barocca, che aggiunge il polpo come ingrediente “principe” e la povera, la più comune, cioè quella con le melanzane.

“Chef”  per un giorno e narratori della propria cultura.  Cinque le comunità etniche rappresentate nel progetto:  Sicilia, Tunisia, Bangladesh, Gambia e Afghanistan.

Ad ogni incontro ciascuna di esse proporrà e cucinerà un piatto tipico, a cui seguiranno una presentazione video e una degustazione.

Ecco il “menù” finale di “Cucina sapurita”: Caponata siciliana, nelle sue varianti: originaria col capone, barocca col polpo e povera (la più comune con le melanzane); Cous Cous tunisino (con carne e con verdure); Biryani  bengalese (riso con carne); Mar Marò  gambiano (riso con crema di arachidi) e Mantù afghano  (ravioloni con carne). 

Inserito all’interno del più ampio progetto nazionale “Semi di comunità” dell’associazione Mondo Comunità e Famiglia (Mcf), finanziato dal ministero del Lavoro e delle politiche sociali,  “Cucina sapurita” nasce come un percorso di accompagnamento vicendevole tra alcune famiglie palermitane e immigrate, volto alla condivisione delle singole tradizioni di cucina, quale mezzo per attuare una conoscenza reciproca e personale che apre alla relazione e al dialogo interculturale, diffondendo, soprattutto in questo difficile periodo storico, i valori del rispetto, della tolleranza e della condivisione fra etnie diverse che convivono nello stesso territorio.

“Questa iniziativa vuole dimostrare che è possibile fare incontrare persone e famiglie di diverse etnie a partire dalle diversità che piacciono, quelle che si gustano in cucina – dichiara Nino Spitalieri, responsabile del nodo e presidente di Acf Sicilia - . Infatti a differenza delle diversità culturali, storiche e religiose, che se non conosciute ci fanno  temere per la nostra integrità , quelle legate alla cucina ci attraggono, ci incuriosiscono, vengono percepite come nuovi sapori che  arricchiscono il nostro palato, nuove ricette da aggiungere alla nostra raccolta.  E la nostra scommessa sta proprio qui: partire dalla condivisione di ciò che è gustoso per creare relazioni personali che permettano di farci  conoscere e apprezzare anche ciò che è altro da noi”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X