stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Palermo, il direttore del cimitero dei Rotoli «sfrattato» da 22 bare
IN EDICOLA

Palermo, il direttore del cimitero dei Rotoli «sfrattato» da 22 bare

Morti e vivi in uno spazio sempre più ristretto. Le bare dei defunti senza sepoltura, ormai verso quota 1400, vagano dentro il cimitero dei Rotoli, dalle tensostrutture posizionate a monte alle salette una volta occupate dai dipendenti amministrativi e ora «guadagnate» alla posa di casse e fiori che sennò non si saprebbe dove mettere. Il caro estinto porta a porta con gli operatori e i dipendenti. Perfino il direttore Leonardo Cristofaro ha dovuto raccogliere armi e bagagli e lasciare ai defunti il suo ufficio. Si è spostato in una stanzetta più angusta vicino alla reception, praticamente all’ingresso del camposanto. Ma che si poteva fare, d’altronde? Bussavano alla porta 22 feretri e una soluzione andava trovata all’istante.
«Non abbiamo più come muoverci - dice Nicola Presti, responsabile delle squadre della Reset al cimitero - Possiamo solo fare le tumulazioni per le famiglie che hanno una sepoltura privata. Per il resto, lo scenario è sempre più drammatico». Sul Giornale di Sicilia oggi in edicola un servizio di Connie Transirico

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X