stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Scrutatori ancora senza compensi, protesta a Palermo: «Pagamenti a settembre»
AMMINISTRATIVE DI GIUGNO

Scrutatori ancora senza compensi, protesta a Palermo: «Pagamenti a settembre»

di

Scrutatori e presidenti di seggio non ancora pagati. Si alza il coro di lamentele, soprattutto fra chi, in quella giornata di follia, ha compiuto fino in fondo il proprio dovere, rimanendo anche ostaggio dell’assenza degli oltre cento presidenti che non si sono presentati nelle sezioni. È già passato un mese e mezzo e ancora non c'è traccia dei compensi.

Ecco allora che Giovanni Carone, uno scrutatore, ci ha inviato la sua segnalazione, a nome di una parte del personale che ha lavorato alla scorsa tornata di amministrative: «Dopo numerose segnalazioni, gli uffici di competenza, dall’ufficio Coordinamento elettorale all’ufficio del Servizio elettorale e, per ultimo, l’ufficio della Ragioneria generale - ha raccontato Carone - non viene fornita alcuna informazione sui pagamenti. Si rimbalzano la palla fra loro».

Carone, che è intervenuto anche alla trasmissione di Rgs Ditelo in diretta, racconta dell’esperienza vissuta quel 12 giugno: «Mille peripezie, caos per mancanza di personale e abbiamo fatto il lavoro di 3 persone, oltre agli addetti delle pulizia viste le condizioni igieniche in cui dovevamo lavorare e la pandemia». Una situazione ai confini della realtà, che giorno dopo giorno crea sconforto e ulteriore delusione nei confronti del Comune: «Siamo sempre più delusi dal comportamento del servizio elettorato del Comune di Palermo - dice ancora Carone -, siamo abbandonati a noi stessi. Mi viene da pensare - conclude - che il 25 settembre si voterà nuovamente, immagino già le file fuori per ripescare qualche scrutatore mancante».

A rispondere però ci ha pensato il nuovo assessore ai Servizi elettorali, Dario Falzone. Come si può leggere in un articolo di Anna Cane sul Giornale di Sicilia in edicola, l’assessore afferma che «ci sono stati dei rallentamenti perché i pagamenti partono tutti nello stesso momento ma una trentina di presidenti hanno ritardato ad inviare la documentazione con i dati relativi agli accrediti». E prosegue: «Da qualche giorno sono state completate le procedure. Ora si andrà avanti con la determina dirigenziale, la Ragioneria per l’impegno di spesa e ultimo passo sarà la tesoreria. Nei primi giorni di settembre - conclude il neo assessore - si procederà con gli accrediti, spero anche di anticipare i tempi».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X