stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Campofelice di Roccella, diventa parrocchia un bene confiscato alla mafia
IL PROGETTO

Campofelice di Roccella, diventa parrocchia un bene confiscato alla mafia

beni confiscati, Giuseppe Marciante, Palermo, Cronaca
Monsignor Marciante nel bene che diventerà parrocchia

Diventa parrocchia un bene confiscato alla mafia. Il complesso si trova vicino al castello di Campofelice di Roccella. L’anno scorso era stato assegnato alla parrocchia di santa Rosalia e ora ospiterà la nuova chiesa, i locali parrocchiali e gli spazi dell’oratorio. Tutta la struttura è stata intestata a due vittime della mafia, entrambi beati: il giudice Rosario Livatino e padre Pino Puglisi.

Il vescovo di Cefalù, Giuseppe Marciante, celebrerà oggi - 9 luglio - la prima messa. «È un progetto - ha detto il prelato - di altissimo valore simbolico. La conversione di un bene confiscato alla mafia in un luogo sacro dedicato a due uomini che hanno dato la vita per combattere questa piaga costituisce un segno di rinascita, risveglio e rinnovamento». Il complesso ospiterà convegni e seminari dedicati agli operatori del diritto, manifestazioni di promozione della cultura della legalità e di lotta alla mafia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X