stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Palermo, gli agenti penitenziari dell'Ucciardone in stato di agitazione
CARCERI

Palermo, gli agenti penitenziari dell'Ucciardone in stato di agitazione

carceri, Palermo, Cronaca
Carcere Ucciardone

«Il coordinamento nazionale polizia penitenziaria ha proclamato lo stato di agitazione e la rottura dei tavoli di contrattazione con la direzione della casa di reclusione maresciallo Di Bona ex Ucciardone. Ci troviamo di nuovo a dover rompere le trattative con la direzione del vecchio carcere borbonico». Lo dichiara il segretario provinciale del Cnpp Maurizio Mezzatesta.

«Negli ultimi diciotto mesi numerosi sono state le note sindacali a tutela del personale di polizia penitenziaria inviate alla direzione con l’intento di migliorare le condizioni di lavoro fin qui sotto certi aspetti mortificanti con i carichi di lavoro sono eccessivi con prolungamento dell’orario di lavoro oltre il massimo consentito in una struttura che ha pochissimo di tecnologico e verosimilmente non al passo con i tempi - continua Mezzatesta - abbiamo sempre dato il nostro supporto proponendo anche soluzione ad alcuni disagi che ancora non sono stati risolti, come la soppressione di riposo e congedi che vanno a penalizzano principalmente la famiglia».

Per il segretario regionale Domenico Del Grosso del Cnpp servono interventi immediati. «Sono state inviate circa 100 note sindacali - dice Del Grosso - perché bisogna ricordare che all’Ucciardone numerose sono state le aggressioni e tanti gli agenti feriti. Abbiamo chiesto alla direzione un cambio di rotta nell’organizzazione del lavoro e del benessere del personale e un avvicendamento di tutti i dirigenti di polizia penitenziaria di servizio».

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X