stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca L'omicidio di Burgio alla Vucciria di Palermo fu questione di mafia
IN EDICOLA

L'omicidio di Burgio alla Vucciria di Palermo fu questione di mafia

Palermo, Cronaca
Il poster di Emanuele Burgio

Mafia e premeditazione, due aggravanti da ergastolo per l’omicidio di Emanuele Burgio alla Vucciria. Le hanno contestate gli inquirenti ai tre arrestati nell’avviso di conclusione indagine, l’atto che in genere precede il rinvio a giudizio. Inchiesta dunque conclusa neanche un anno dopo l’omicidio, avvenuto nella notte del 30 maggio 2021. Poche ore dopo vennero arrestati Domenico Romano assieme al fratello Matteo e al figlio Giovan Battista, che da allora sono in carcere e tra breve dovrebbero comparire davanti ai giudici della corte di assise. Domenico è stato l’unico a confessare, fornendo la sua versione del fatto di sangue e indicando anche il movente. Sul Giornale di Sicilia oggi in edicola un servizio di Leopoldo Gargano

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X