stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Emergenza ai Rotoli di Palermo, ordinanza di Orlando: saranno realizzati 424 loculi temporanei
CIMITERI

Emergenza ai Rotoli di Palermo, ordinanza di Orlando: saranno realizzati 424 loculi temporanei

Provvedimento del sindaco per fronteggiare il dramma delle 850 bare senza sepoltura. L'assessore Sala: "Così dimezzeremo il numero delle salme in deposito"

Loculi temporanei per fronteggiare l'emergenza al cimitero dei Rotoli. Il sindaco Leoluca Orlando ha firmato un'ordinanza che consentirà di realizzarne 424 con l'obiettivo di ridurre il numero delle bare attualmente in deposito e in attesa di sepoltura (qui l'ordinanza). 

Il provvedimento arriva dopo le decisioni prese dalla Cabina di regia costituita per dare una soluzione al problema, diventato ormai un caso nazionale.

“Quella dei cimiteri è un’emergenza che non ha bisogno di commissari, ma di risorse e strumenti che abbiamo chiesto con forza al Governo nazionale – commenta Orlando –. Nel frattempo facciamo quanto è nelle nostre possibilità per dare risposte a tante famiglie che attendono di poter dare degna sepoltura ai propri cari".

I loculi temporanei verranno sistemati nei viali di Santa Maria e di Santissima Trinità e hanno già ottenuto il parere igienico sanitario favorevole in conferenza di servizi.

“Si tratta di collocare 424 loculi che consentiranno di dimezzare il numero di salme in deposito – spiega l’assessore ai Cimiteri Toni Sala - anche in assenza del piano triennale delle opere pubbliche. Il Rup ha stimato in quattro mesi i tempi tecnici per l’affidamento, l’esecuzione e il collaudo dei lavori, ci auguriamo che questa, insieme alle altre iniziative intraprese, ci consenta di tornare al più presto alla normalità”.

Attualmente sono circa 850 le bare fuori terra e al dolore dei parenti si aggiungono le difficoltà dell’amministrazione con poche risorse e personale non a sufficienza per fronteggiare i passaggi burocratici necessari per gestire tumulazioni e cremazioni. Nei giorni scorsi un altro intoppo ha riguardato la convenzione con le imprese di pompe funebri che al costo di 100 euro a viaggio si erano rese disponibili a trasferire le salme al cimitero di Sant’Orsola. Come scritto dal Giornale di Sicilia, il meccanismo si è bloccato perchè secondo le aziende il Comune non si è impegnato riorganizzare gli uffici cimiteriali.

Il sabato, infatti, lo sportello comunale è sprovvisto di personale per la gestione della piattaforma che rilascia i certificati di morte, trasporto e tumulazione. Per risolvere la questione il prefetto ha convocato le parti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X