stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Palermo, subito danneggiata l'area dedicata a Emanuela Loi e alle donne-coraggio
VIA AUTONOMIA SICILIANA

Palermo, subito danneggiata l'area dedicata a Emanuela Loi e alle donne-coraggio

Palermo, Cronaca
La pensilina priva dei pannelli e con una sbarra piegata

Inaugurata sabato scorso e stamane già danneggiata: è successo a Palermo, in via Autonomia Siciliana, dove 48 ore fa era stata dedicata la prima area pubblica «al valore delle donne contro ogni violenza», progetto di rigenerazione urbana firmato #DonneRigenerAttive. La pensilina della fermata del bus conteneva i pannelli con i nomi e le storie delle donne coraggio. Uno dei pannelli è stato rotto e l’altro divelto. La sbarra è stata piegata.

L'inaugurazione era avvenuta in un luogo e in una data non casuali: a due passi da via D’Amelio, dove il 19 luglio 1992 sono stati uccisi, per mano di Cosa nostra, il giudice Paolo Borsellino e i cinque agenti della scorta Agostino Catalano, Claudio Traina, Emanuela Loi, Walter Cosina e Vincenzo Li Muli. E nel giorno in cui ricorreva la data di nascita proprio di Emanuela Loi.

All’inaugurazione avevano preso parte la sorella Claudia e la nipote, che si chiama Emanuela. Il progetto, ideato e curato da Emilio Corrao, dall’Agesci, e Piera Fallucca, Milena Gentile, Adriana Palmeri è stato promosso dal Centro Studi Borsellino e dalle associazioni Libera, Emily, Agesci Conca d’Oro, Mezzocielo e Democratica. La targa, che si trova accanto alla pensilina, porta i nomi di Rita Borsellino, Maria Pia Lepanto, Agnese Piraino Leto, Emanuela Loi e Rita Atria.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X