stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Palermo, allarme peste suina: caccia ai cinghiali a Monte Pellegrino per fermare il virus
EPIDEMIA

Palermo, allarme peste suina: caccia ai cinghiali a Monte Pellegrino per fermare il virus

di
CINGHIALI, monte pellegrino, Palermo, Cronaca
Un branco di cinghiali

Caccia ai cinghiali per arginare il virus della peste suina africana. Nessuna paura di contagio per l’uomo, ma scatta l'allarme della Regione che ha prorogato fino a giugno del 2023 il piano di controllo nella riserva orientata Monte Pellegrino a Palermo da realizzarsi attraverso catture di cinghiali per scongiurare il diffondersi del virus nel nostro Paese.

Dovranno essere segnalati alle autorità competenti (guardie forestali, polizia provinciale, guardia venatoria e servizi veterinari dell’Asp) gli eventuali animali catturati o quelli già morti ma che «prima dell'abbattimento presentavano segni evidenti di malessere, come ad esempio scoordinamento motorio, convulsioni».

Il parere positivo sul prolungamento del monitoraggio dopo l'allarme fornito il 16 luglio dal responsabile del servizio coordinamento fauna selvatica dell’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale di Roma: «Dato l'elevato rischio di introduzione del virus della peste suina africana nel nostro paese - si legge nella relazione - si evidenzia la necessità che l’Amministrazione dia opportune indicazioni al proprio personale affinché ogni cinghiale trovato morto, anche a seguito di incidente stradale ovvero abbattuto, sia segnalato».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X