stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Medicina in lutto: a Palermo è morto l'ematologo Francesco Caronia
LUTTO

Medicina in lutto: a Palermo è morto l'ematologo Francesco Caronia

Lutto, sanità, Francesco Caronia, Palermo, Cronaca
Francesco Caronia

È morto il professore Francesco Caronia, ematologo palermitano. Iniziò la sua carriera universitaria presso la Facoltà di Medicina a Palermo, costituendo già negli anni ‘60 un primo gruppo di Ematologi presso la Patologia Medica del tempo. Si occupava di ricerca applicata e studia le patologie immunoproliferative, arrivando a pubblicare svariati articoli scientifici sull’argomento, tanto da essere riconosciuto quale uno dei maggiori esperti del settore. Caronia si era impegnato anche nella politica da attivista del PCI, arrivando anche a ricoprire cariche istituzionali, quale consigliere comunale.

Negli anni ’70, insieme ad altri colleghi del Policlinico di Palermo, diviene uno dei protagonisti della trasformazione del Sanatorio Vincenzo Cervello in Ospedale specializzato dove costituisce la Divisione di Ematologia, destinata rapidamente a divenire un polo di riferimento non solo regionale, anche per il trapianto emopoietico. Chiama a collaborare a questa impresa parecchi giovani ematologi e, caso raro per il tempo, anche numerosi Biologi. Insieme a loro riesce a potenziare l’Unità creando sia un forte polo assistenziale, sia favorendo la nascita di laboratori avanzati, di genetica molecolare e cellulare e di istocompatibilità (HLA), ponendo le basi per la costituzione dell’Unità di trapianto ematopoietico e di importanti traguardi nella ricerca applicata. Grazie alla sua lungimiranza si costituì un gruppo di lavoro assai articolato, che oltre alla degenza ordinaria, garantiva una forte assistenza ambulatoriale oltre che una pionieristica degenza breve e giornaliera (quella che sarà anni dopo chiamata “Day Hospital”), con l’obiettivo nascosto di completare il percorso sino all’assistenza domiciliare.

Il professore Caronia sostenne parallelamente la nascita di un forte polo di volontariato, favorendo la fondazione di diverse Associazioni quali l’Ail, l’Admo, la Fratres, che diedero, e continuano a dare, quel valore aggiunto necessario per coinvolgere la società civile nell’assistenza ematologica e nel supporto delle famiglie dei pazienti. Grazie all’Ail si poté dare un importante aiuto all’assistenza in reparto e a domicilio dei pazienti, fino a realizzare in Città la prima casa albergo dedicata alle famiglie degli emopatici. Grazie all’Admo e alla Fratres si iniziarono a porre serie basi per promuovere la donazione del midollo osseo e, oltre che del sangue, anche delle piastrine e del plasma, dando quindi una seria spinta innovativa ad un settore di strategica importanza per la cura delle emopatie.

L'Ail lo commemora con una nota: "Piace ricordare Ciccio Caronia per quella che è stata forse la sua più importante qualità, cioè quella di saper ascoltare e favorire il lavoro di squadra, lasciando tutti i collaboratori liberi di sviluppare idee e programmi, sostenendoli in forma apparentemente distaccata, ma in realtà ricca di rispetto per le loro professionalità. A lui un doveroso grazie da parte di tutti i suoi collaboratori".

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X