stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Emergenza sepolture al cimitero dei Rotoli di Palermo, bara in salotto da 10 giorni
LA STORIA

Emergenza sepolture al cimitero dei Rotoli di Palermo, bara in salotto da 10 giorni

L'emergenza sepolture al cimitero dei Rotoli ha ripercussioni anche nelle case dei palermitani. Una donna, deceduta il 19 febbraio, si trova ancora nel salotto di casa sua perché al camposanto comunale non c'è posto per ospitarla.

Lo racconta oggi Gabriele Messina in un articolo pubblicato sul Giornale di Sicilia in edicola: "Mia mamma è venuta a mancare nella notte del 19 febbraio - spiega la signora Giusy La Mantia - abbiamo subito avvertito l’impresa funebre per l’organizzazione del funerale e non ci saremmo mai aspettati che potesse succedere una situazione come quella che stiamo vivendo".

La famiglia non possiede una tomba di proprietà, subito dopo i funerali è stato comunicato loro che la salma sarebbe dovuta restare in deposito in casa perché al cimitero di Santa Maria dei Rotoli non c’era più spazio.

"Inizialmente - racconta la signora La Mantia -, non ci siamo preoccupati della questione perché pensavamo che si trattasse solo di uno o due giorni al massimo, giusto il tempo di trovare lo spazio presso il deposito del cimitero. Vedevamo anche il lato positivo della cosa. Era un po’ come avere nostra madre sempre vicina. Avevamo visto tante scene impietose della situazione di emergenza al cimitero e pensavamo che il deposito domestico, prima della sepoltura, fosse persino una soluzione più dignitosa".

Dal Comune, negano che una situazione di questo tipo possa essere possibile e che gli ingressi al deposito del cimitero continuano ad essere regolari.

Oggi intanto il sindaco Leoluca Orlando ha disposto "un'immediata verifica dei fatti e la predisposizione di una relazione da trasmettere all'autorità giudiziaria con l'indicazione di operatori del settore responsabili", si legge in un comunicato del Comune di Palermo. "La capo area e i dirigenti del settore confermano, infatti, che il servizio di accoglienza - si legge ancora nella nota - non ha mai subito interruzioni". Il sindaco spiega che "l'amministrazione comunale intende perseguire in ogni sede i responsabili tra quanti operano al di fuori delle regole".

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X