stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Spesa alle famiglie dello Zen, così i boss di Palermo aiutavano gli indigenti durante il lockdown
I RETROSCENA

Spesa alle famiglie dello Zen, così i boss di Palermo aiutavano gli indigenti durante il lockdown

di

I boss dello Zen aiutavano le famiglie indigenti a sopravvivere durante il lockdown. È uno dei dettagli scoperti dagli investigatori nell’ambito dell’inchiesta Bivio che questa mattina ha portato all’arresto di 16 presunti affiliati alla mafia nei quartieri Tommaso Natale, Partanna Mondello, Zen e Pallavicino a Palermo.

I vertici di cosa nostra avrebbero tentato di accreditarsi, in maniera concreta, come referenti in grado di fornire aiuti ai cittadini della zona in tempo di pandemia.

Palermo, colpo con 16 arresti nel mandamento di Tommaso Natale: i nomi e le foto dei coinvolti

Giuseppe Cusimano, capo della famiglia mafiosa di Zen-Pallavicino, infatti, ergendosi a punto di riferimento per le tante famiglie indigenti del quartiere, avrebbe tentato di organizzare una distribuzione alimentare per le famiglie bisognose durante la prima fase di lockdown del 2020.

“Una circostanza – dicono gli investigatori - che dimostra come cosa nostra è sempre alla ricerca di quel consenso sociale e di quel riconoscimento sul territorio, indispensabili per l’esercizio del potere mafioso”.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X