stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Cannoli e cassate nei bar, così la mafia palermitana voleva espandersi a Roma
L'INCHIESTA

Cannoli e cassate nei bar, così la mafia palermitana voleva espandersi a Roma

Cosa nostra provava a estendere i propri affari a Roma. Lo dimostrano le intercettazioni finite nell'inchiesta dei Ros e della Procura di Roma, che ha messo in luce gli interessi dei clan palermitani nella Capitale con l'obiettivo di reinvestire il denaro in bar e pasticcerie.

Nei dialoghi tra Salvatore Rubino, uno degli arrestati insieme al fratello Benedetto e a Francesco Paolo Maniscalco, spunta l'affare di un bar - ristorante nel salotto di Trastevere, che aveva in menù cannoli espressi e cassate. Il locale è finito ora sotto sequestro.

Ma dalle carte dell'inchiesta, coordinata dai magistrati della Direzione antimafia di piazzale Clodio, come spiega Mariella Pagliaro sul Giornale di Sicilia in edicola, emerge che il gruppo aveva in mente di espandersi in tutto il quartiere.

L'inchiesta Gerione ha fatto scattare l'arresto, oltre che di Maniscalco e dei fratelli Salvatore e Benedetto Rubino, anche di Antonina Puleo e Federica Rubino (moglie e figlia di Benedetto Rubino) e di Salvatore Cillari, che sono finiti ai domiciliari. Obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, invece, per Giovanna Citarrella, Luca Imperatori, Roberta Rubino (figlia di Benedetto) e Marco Rubino (figlio di Salvatore).

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X