stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Omicidio di Camporeale: la gelosia, le offese e il mistero della pistola di Mulè
LE INDAGINI

Omicidio di Camporeale: la gelosia, le offese e il mistero della pistola di Mulè

Una pistola con matricola abrasa di cui non si conosce la provenienza. Un dettaglio che potrebbe far luce sull’omicidio di Benny Ferrara a Camporeale.

Michele Mulè, nuovo fidanzato dell’ex di Ferrara, era stanco delle continue offese rivolte alla ragazza. Adesso è accusato di omicidio volontario aggravato dalla premeditazione dopo essersi costituito ai carabinieri.

Come racconta Leopoldo Gargano sul Giornale di Sicilia di oggi, a conoscere il perché Mulè girasse armato per il paese sarebbe proprio la fidanzata. A quanto pare Michele Mulè era venuto a sapere che Benedetto Ferrara si era procurato un coltello a serramanico, fatto custodire dall’amico Antonino Triolo temendo una perquisizione (Ferrara aveva dei precedenti).

Probabilmente, Mulè, a sua volta aveva acquistato l’arma - un revolver Llama 38 special – sul mercato clandestino per difendere sé stesso e la ragazza. Una pistola che portava con sé la sera dell’omicidio, pronta a sparare anche se la difesa parla di delitto d’impeto. Fatti tutti da confermare. Intanto durante l’interrogatorio di sabato scorso Mulè non ha risposto ma si è limitato a sospirare “non sono un killer”.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X