stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Palermo, tornano in cella i trafficanti di migranti che erano stati scarcerati
DDA

Palermo, tornano in cella i trafficanti di migranti che erano stati scarcerati

Sono tornati tutti in carcere i 18 indagati dell’operazione Glauco 4, il blitz della Dda di Palermo che ha disarticolato un’associazione criminale che gestiva i viaggi dei migranti verso l’Italia. La Procura ha anche emesso un mandato di arresto europeo nei confronti di 4 persone rimaste latitanti.

Gli arresti sono stati disposti dal gip di Palermo a cui i pm hanno richiesto la rinnovazione della misura cautelare. Molti degli indagati, fermati nelle scorse settimane, infatti, erano stati scarcerati dai giudici delle indagini preliminari di diverse città italiane chiamati, per competenza territoriale visto che i provvedimenti erano stati eseguiti fuori Palermo, a convalidare i fermi. L’indagine, svolta dalla Squadra Mobile di Palermo e dal Servizio Centrale Operativo ha portato alla scoperta di un’organizzazione criminale, con cellule operanti in Africa, in diverse aree del territorio nazionale e in altri Paesi europei. L'associazione agiva su due fronti diversi: il favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e l’esercizio abusivo di attività di intermediazione finanziaria tramite il cosiddetto metodo "hawala», utilizzato principalmente per il pagamento dei viaggi dei migranti o come prezzo della loro liberazione dai centri lager in Libia.

L’inchiesta costituisce la prosecuzione delle operazioni "Glauco I - II - III" condotte tra il 2013 ed il 2017 che hanno consentito, nel tempo, di individuare e identificare decine di trafficanti di esseri umani operanti sulla rotta del Mediterraneo centrale, molti dei quali già condannati anche in via definitiva a pesanti pene, e i loro referenti in Italia. Già nel corso delle indagini precedenti è emerso il ruolo di vertice di Ghermay Ermias - ancora latitante - e proprio dallo sviluppo delle inchieste finalizzate alla sua ricerca, anche attraverso attività di cooperazione internazionale, è stata ricostruita l’associazione a delinquere che operava tra il Centro Africa (Eritrea, Etiopia, Sudan), i paesi del Maghreb (soprattutto la Libia), l’Italia (Lampedusa, Agrigento, Catania, Roma, Udine, Milano), vari paesi del Nord Europa (Inghilterra, Danimarca, Olanda, Belgio e Germania). Fin dal 2017, la banda ha supportato le attività di traffico sia nel corso del viaggio dei migranti sul continente africano che in occasione del loro concentramento nei campi di prigionia in Libia.

Appena giungevano in Sicilia, a bordo delle navi impiegate in attività di soccorso in mare, gli indagati intervenivano, in un primo momento, consentendo ai profughi di allontanarsi dai centri di accoglienza in cui erano ospitati, nascondendoli in altri luoghi e fornendo loro in alcuni casi vitto, alloggio, titoli di viaggio e falsi documenti, e, in un secondo momento, curandone la partenza verso località del centro e nord Italia, da dove poter raggiungere il nord Europa e talvolta gli USA. In altre occasioni, i membri del gruppo hanno contattato direttamente i migranti già giunti in Italia per consentire loro la prosecuzione del viaggio verso altri Stati europei o in alcuni casi anche verso gli Stati Uniti (gestendo la pericolosa tratta del viaggio attraverso i paesi del Sud America).

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X