stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Allarme dal pronto soccorso del Cervello: "Non preoccupano più i vacanzieri ma le feste"
L'EPIDEMIA

Allarme dal pronto soccorso del Cervello: "Non preoccupano più i vacanzieri ma le feste"

coronavirus, Palermo, Cronaca
Tiziana Maniscalchi, direttore pronto soccorso ospedale Cervello di Palermo

Ci sono molti asintomatici e i nuovi positivi crescono al ritmo di cinque o sei al giorno. Lo sostiene Tiziana Maniscalchi, direttore del Pronto Soccorso dell’ospedale Cervello di Palermo, in un'intervista di Fabio Geraci pubblicata sul Giornale di Sicilia in edicola.

La dottoressa sottolinea che la presenza di focolai provocati da chi è andato in vacanza o dai turisti che sono giunti nell’Isola per trascorrere le ferie "è un fenomeno che sta lentamente scemando, ormai siamo entrati in una fase successiva. A fine agosto i nuovi positivi erano in larga parte giovani provenienti dai cluster di Malta, della Spagna o della Campania, oggi invece refertiamo i parenti o gli amici con cui queste persone sono state a contatto. Si tratta spesso di anziani che ci riferiscono di non essersi allontanati dalla Sicilia negli ultimi tempi e comunque di non aver viaggiato"-

Adesso a preoccupare sono le "feste". "Cominciamo a vedere anche i primi effetti di battesimi, comunioni e feste dove non sempre viene rispettato il distanziamento sociale e il corretto uso delle mascherine - afferma -. Abbiamo segnalato intere famiglie che sono state prese di mira dal Covid perché hanno partecipato a eventi privati molto affollati senza aver preso le dovute precauzioni".

L'articolo completo sull'edizione del Giornale di Sicilia in edicola

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X