stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Nuova Iside, dalla scatola nera della petroliera ipotesi collisione: "Quadro agghiacciante"
IL NAUFRAGIO

Nuova Iside, dalla scatola nera della petroliera ipotesi collisione: "Quadro agghiacciante"

Nuova Iside, Palermo, Cronaca

L'esame della scatola nera fa supporre ci sia stata una collissione. Ed emergono così nuovi elementi sul caso Nuova Iside, l'imbarcazione della marineria di Terrasini, città costiera alle porte di Palermo - naufragata la sera del 12 maggio tra San Vito Lo Capo e Ustica.

Dalla scatola nera (Voyage Data Record - VDR) della "Vulcanello", la petroliera che potrebbe essere coinvolta nello scontro vengono fuori i momenti salienti di una possibile collisione.

Quella maledetta sera, a bordo del peschereccio c'erano Matteo Lo Iacono (deceduto), il figlio Vito (disperso) e il cugino Giuseppe (deceduto). Da quanto emerge dal VDR, sono da poco passate le 23 del 12 maggio, per l'esattezza alle 23.02'27'', quando si sente il primo "rumore netto", così lo descrivono gli inquirenti che hanno minuziosamente ascoltato ogni solco della scatola nera impiantata nella petroliera e poi relazionato la Procura di Palermo, titolare dell'inchiesta, coordinata dal procuratore aggiunto Ennio Petrigni e dal sostituto Vincenzo Amico.

Alle 23.03'.04'' un secondo rumore, che cresce di intensità; ed è più forte pochi secondi dopo, alle 23.03'.31''. Tutto si svolge in una manciata di secondi, poi il silenzio. Per gli inquirenti sono rumori "potenzialmente idonei ad essere prodotti dal contatto ripetuto di un oggetto di grandi dimensioni con l'opera morta della nave 'Vulcanello'".

Ma c'è dell'altro, "tali urti - come annotato dalla polizia giudiziaria - sembrano, infatti, provenire dapprima dalla zona prodiera (la parte anteriore della nave) per poi terminare nella zona poppiera (la plancia della nave è posta nella zona di poppa, dove ci sono i microfoni della scatola nera). In concomitanza, dai sistemi di bordo sono state accertate "una riduzione di velocità di circa 0,4 nodi rispetto a quella da crociera mantenuta dalla nave precedentemente e successivamente (da 12,3 a 11,9 nodi orari, e una variazione repentina dell'angolo del timone e anche della rotta (di 1 grado) compatibili con una potenziale collisione".

"Dai documenti dell'indagine emerge un quadro indiziario agghiacciante - afferma Aldo Ruffino, legale della famiglia Lo Iacono - Chiediamo che venga fatta piena giustizia e che la Nuova Iside diventi il simbolo per una riorganizzazione che metta in primo piano la sicurezza di tutti i marittimi d'Italia, in un mare, ad oggi, senza regole".

NUOVI RILIEVI. Sarà sottoposta a ulteriori rilievi tecnici la Vulcanello, la petroliera coinvolta nel naufragio del Nuova Iside.
La nave sarà trasferita nei prossimi giorni dal porto di Augusta, dove è ormeggiata, al cantiere navale Palumbo di Messina, dove sarà tirata in secco per l'ispezione tecnica che si svolgerà alle 9 del 3 e del 4 settembre. A deciderlo è stato il giudice per le indagini preliminari, Piergiorgio Morosini, che ha accolto la richiesta di incidente probatorio richiesto dal pubblico ministero titolare dell'inchiesta, Vincenzo Amico (coordinatore il procuratore aggiunto Ennio Petrigni), dopo che l'inchiesta ha rivelato come lo stato dello scafo abbia subito notevoli modifiche, in particolare la sovra-pitturazione, "atte ad occultare elementi probatori".
Il Gip ha inoltre nominato Sergio Barbagelata (consulente tecnico del Tribunale di Genova) il professionista che si dovrà occupare della perizia chimica che dovrà determinare se i "segni di strisciate visibili nelle riprese video degli inquirenti, riscontrati nello scafo della Vulcanello e occultati da uno strato di vernice sovrapposto, siano compatibili con l'io patto tra la petroliera e il peschereccio".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X