stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Corruzione nella sanità, Candela: "Taibbi mi ha preso in giro, millantava legami importanti"
L'INCHIESTA

Corruzione nella sanità, Candela: "Taibbi mi ha preso in giro, millantava legami importanti"

corruzione, Antonio Candela, Palermo, Cronaca
Antonio Candela

"Ho sbagliato a fidarmi del mio collaboratore". Si è difeso così Antonio Candela che ieri, come riporta il Giornale di Sicilia in edicola, è stato per cinque ore davanti ai pm Giovanni Antoci e Giacomo Brandini, che coordinano, col procuratore aggiunto Sergio Demontis, l’inchiesta Sorella Sanità.

L’ex manager dell’Asp 6, arrestato il 21 maggio per corruzione e induzione a dare o promettere utilità, ha scaricato tutto o quasi su Giuseppe Taibbi. "Ho sbagliato a fidarmi del mio collaboratore ma l’ho fatto anche perché diceva di essere legato a...".

Taibbi, ha spiegato Candela, è stato capace di simulare di essere in contatto con importanti personalità nazionali, dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella all’ex premier Paolo Gentiloni: grazie a una diavoleria elettronica fingeva di ricevere telefonate dalle "batterie" del Quirinale o di Palazzo Chigi e si diceva infiltrato di apparati dello Stato per indagare sulla sanità corrotta. Cosa che avrebbe convinto l’ex manager di essere vicino a una persona credibile. E invece era tutto il contrario.

L'articolo completo sull'edizione del Giornale di Sicilia in edicola

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X