stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Reparti vietati ai parenti al Civico di Palermo, è protesta: "Ai malati manca il nostro affetto"
DITELO IN DIRETTA

Reparti vietati ai parenti al Civico di Palermo, è protesta: "Ai malati manca il nostro affetto"

Reparti vietati ai parenti e pazienti costretti a rimanere da soli, senza i loro affetti. È vero, c'è l'assistenza di medici, infermieri e operatori socio sanitari, ma impossibile sostituirsi all'affetto dei propri familiari.

A manifestare il loro malcontento a Ditelo in diretta, rubrica in onda su Rgs, sono i familiari dei pazienti ricoverati al reparto di Oncologia dell’ospedale Civico.

«A causa del Covid, il reparto di Oncologia è stato interdetto alla visita dei parenti – spiegano alcuni familiari -. Si tratta di un reparto delicato dove è ricoverata gente che non è autosufficiente, che non può mangiare né lavarsi da sola. Gli operatori Oss non possono sostituirsi all’affetto e alla cura di un figlio o di un coniuge. I malati hanno tutto il diritto di vedere le loro famiglie e poi nel loro percorso di guarigione, comprendiamo tutti, che farebbe solo bene. E invece si ritrovano soli in un letto di ospedale come se fossero soli al mondo».

L'articolo di Anna Cane nell'edizione di Palermo del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X