stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Omicidio a Terrasini, su WhatsApp l'audio del massacro: "Alberto u risse e u fici"
I MESSAGGI

Omicidio a Terrasini, su WhatsApp l'audio del massacro: "Alberto u risse e u fici"

omicidio, terrasini, Paolo La Rosa, Palermo, Cronaca
Alberto Pietro Mulè

Di fondamentale importanza per le indagini sono risultati i messaggi audio scambiati tramite Whatsapp tra alcuni ragazzi testimoni dell'omicidio di Paolo La Rosa, davanti al Millenium di Terrasini. Nell'inchiesta dei carabinieri, come riporta Sandra Figliuolo in un articolo del Giornale di Sicilia in edicola, la collaborazione non sarebbe stata molta, ma i messaggi vocali hanno fornito elementi molto importanti.

Un ragazzo non si capacita per la banalità che avrebbe scatenato l'omicidio: "Min... si può dire per una cretinata, picciò… Una cretinata, almeno, chi sacciu, ti toccano a tuo padre, a tua madre, t'ammazzano a qualcuno della tua famiglia, tu impazzisci e magari ti vendichi… Ma min... accussì! Pi na minchiata, picciotti, a sangu friddu, non ci pensò manco mezzu minuto, ma che minchia avi rint'o cervieddro? Boh…". E poi lascia capire che c'era qualcosa di pregresso: "Min... u risse e u fici, u risse e u fici… risse: 'Stasera cu mi caca a min..., cannarozzi tagghiati'".

L'articolo completo sull'edizione del Giornale di Sicilia in edicola

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X