stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Mafia e appalti, tre imprenditori assolti in appello a Palermo
TRIBUNALE

Mafia e appalti, tre imprenditori assolti in appello a Palermo

Il fatto non sussiste. Per questo Pietro Bordonaro, uno dei titolari delle cave del pregiato marmo di Billiemi, e i costruttori edili Eugenio Avellino e Filippo Chiazzese sono stati assolti dalla terza sezione della Corte d’appello di Palermo.

Erano accusati di concorso esterno in associazione mafiosa (Bordonaro e Avellino) e di fittizia intestazione di beni (Chiazzese). L’inchiesta originaria, coordinata dall’attuale procuratore generale Roberto Scarpinato, era uno dei filoni di mafia e appalti, sull'imprenditoria contigua a Cosa nostra. Bordonaro il 5 aprile 2016 aveva avuto 8 anni e 6 mesi, Avellino 6 anni e 8 mesi e Chiazzese, ritenuto prestanome di Francesco Paolo e Francesco Sbeglia, 5 anni.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X