stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Omicidi Tocco, Failla e Mazzamuto: chiesto ergastolo per 4 boss palermitani
MAFIA

Omicidi Tocco, Failla e Mazzamuto: chiesto ergastolo per 4 boss palermitani

Il pm della Dda Amelia Luise ha chiesto la condanna all’ergastolo di 4 capimafia palermitani: Salvatore Cataldo, Antonino Di Maggio, Giova Battista Pipitone e Vincenzo Pipitone. Sono accusati,a vario titolo, del duplice omicidio dei mafiosi Antonino Failla e Giuseppe Mazzamuto e dell’omicidio di Giampiero Tocco, rapito davanti alla figlia di 8 anni da un commando di killer travestiti da poliziotti, torturato, ucciso e sciolto nell’acido.

Salvatore Cataldo, Vincenzo e Giovanbattista Pipitone e Antonino Di Maggio sono accusati dell’omicidio di Failla e Mazzamuto, uccisi nel 2000 e sepolti sotto terra con la Fiat Uno con cui erano andati all’incontro organizzato per eliminarli. Sarebbero stati assassinati su ordine dei boss di San Lorenzo Salvatore e Sandro Lo Piccolo che li ritenevano responsabili della scomparsa di un loro familiare, Luigi Mannino, eliminato col metodo della lupara bianca nel 1999. Su indicazione del pentito Antonino Pipitone la Procura di Palermo fece eseguire una serie di scavi nella zona industriale di Carini per cercare la macchina e i cadaveri, ma le ricerche ebbero esito negativo.

Per l’omicidio Tocco sono imputati Vincenzo e Giovanbattista Pipitone. La vittima su assassinata perché i Lo Piccolo la ritenevano responsabile della morte di un loro uomo, il boss Peppone di Maggio figlio dello storico capomafia di Cinisi. Nell’auto di Tocco, che era indagato, gli inquirenti avevano piazzato delle delle microspie che registrarono la drammatica telefonata che la figlia, ora 26enne, fece alla madre dopo aver visto i finti poliziotti portar via il padre.

Il suo racconto, a cui seguì anche un disegno della scena del rapimento, è stato essenziale per gli investigatori per la ricostruzione del fatto. Per l’omicidio Tocco sono stati condannati all’ergastolo i boss di San Lorenzo Salvatore e Sandro Lo Piccolo e Damiano Mazzola, mandanti dell’agguato e a otto anni i collaboratori di giustizia Gaspare Pulizzi e Francesco Briguglio, accusati del sequestro e dell’uccisione.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X