stampa
Dimensione testo
GDS IN EDICOLA

Spaccaossa a Palermo, agganci anche negli ospedali per le medicine gratis

spaccaossa, Palermo, Cronaca
Il pronto soccorso dell'ospedale Civico

La rete di agganci e complici degli spaccaossa arrivava anche negli ospedali: attraverso "amicizie" riuscivano a recuperare referti e medicine gratis per risparmiare sui costi della pratica e intascare quindi più soldi dalle somme truffate alle assicurazioni.  Uno dei più attivi sarebbe stato «Baffone», ovvero Filippo Inguglia, che all'ospedale Civico ha lavorato per anni e che in cambio di 20 o 30 euro si sarebbe messo a disposizione di una delle bande, sgominata dalla guardia di finanza con l'operazione Contra Fides.

Come riporta un articolo di Sandra Figliuolo sul Giornale di Sicilia, che svela nuovi dettagli emersi dagli interrogatori degli spaccaossa "pentiti", il nome di Inguglia è emerso sia dal verbale di Patrizia Alaimo, che aveva il ruolo di reclutare le vittime e che adesso ha deciso di collaborare con i magistrati. Ma anche, dall'interrogatorio di Antonino Di Gregorio, indicato dalla Alaimo come uno dei capi della banda. I due hanno fornito elementi al procuratore aggiunto Sergio Demontis e ai sostituti Francesca Mazzocco e Andrea Zoppi, che hanno chiesto il rinvio a giudizio per i due imputati e per altre 33 persone coinvolte nel blitz.

La notizia completa sul Giornale di Sicilia.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X