stampa
Dimensione testo
DALL'OSPEDALE

Dimesso il giornalista tedesco picchiato a Palermo, resta in carcere l'aggressore

E’ stato dimesso il giornalista tedesco impiegato del Goethe Institut, aggredito e picchiato la sera del 2 novembre in piazza San Francesco D’Assisi a Palermo. Le sue condizioni - dopo esser stato operato all’ospedale Villa Sofia - sono migliorate, la prognosi è stata sciolta dai medici e nei giorni scorsi è stato dimesso e trasferito in un centro specializzato per la neuroriabilitazione.

Il Tribunale del Riesame ha confermato la misura della custodia in carcere per il giovane palermitano, Salvatore La Barbera, 19 anni, ritenuto l’autore dell’aggressione, al quale i pm contestano le lesioni gravissime. In quella sede il consulente del cittadino tedesco, il medico Manfredi Rubino, aveva depositato una perizia per scongiurare gli arresti domiciliari

. Secondo le indagini dei carabinieri - coordinate dal procuratore aggiunto Ennio Petrigni e dal sostituto Giulia Amodeo - La Barbera avrebbe colpito a freddo con due pugni il tedesco, da anni residente in città, che in quel momento stava cenando nei pressi con altre persone, tra cui la figlia di 10 anni. Motivo dell’aggressione: il giornalista avrebbe ripreso la madre di La Barbera che in macchina avrebbe voluto attraversare la zona pedonale. Il palermitano a sua difesa avrebbe detto, davanti al gip, di avere dato uno schiaffo per difendere sua madre. Le indagini proseguono, entro Natale i pm attendono la relazione del medico nominato consulente di parte della procura.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X