stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Estorsione, i giudici: "Il figlio del boss agì per compiacere Miccoli"
GDS IN EDICOLA

Estorsione, i giudici: "Il figlio del boss agì per compiacere Miccoli"

estorsioni, Antonio Lauricella, Fabrizio Miccoli, Mauro Laricella, Palermo, Cronaca
Mauro Lauricella e Fabrizio Miccoli

Secondo i giudici d'appello di Palermo, l'estorsione aggravata dal metodo mafioso di Mauro Laricella, che gli è valsa una condanna a 7 anni,  fu fatta per compiacere Fabrizio Miccoli. Perché Lauricella, scrivono nelle motivazioni della sentenza, intervenne con i sistemi di cosa nostra per far restituire al suo "idolo" un presunto debito.

Come riporta Riccardo Arena sul Giornale di Sicilia, i giudici scrivono che Lauricella sarebbe intervenuto per «affermarsi come persona “importante” e “di rispetto” dinanzi al suo idolo Miccoli, che l'aveva incaricato di spendersi per garantire il soddisfacimento di un credito» vantato da un ex fisioterapista del Palermo, Giorgio Gasparini.

Anche l'ex capitano rosanero è stato condannato a tre anni e sei mesi in primo grado, mentre in un processo diverso, celebrato col rito ordinario, Lauricella aveva avuto un anno per violenza privata, in Tribunale; la terza sezione della Corte d'appello ha però accolto l'appello del pm, portando a sette gli anni di carcere, riconoscendo al figlio del boss Antonino Lauricella, anche l'estorsione aggravata.

La notizia completa sul Giornale di Sicilia. 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X