stampa
Dimensione testo
IL PROCESSO

Migranti picchiati e insultati a Trappeto, arrivano le prime quattro condanne

migranti, trappeto, Palermo, Cronaca
Un'istantanea del video che riprende alcune fasi dell'aggressione

Quattro persone, su otto imputati, sono stati condannati per il pestaggio e gli insulti razzisti nei confronti di sei migranti gambiani minorenni, avvenuti la notte di Ferragosto sulla spiaggia Ciammarita a Trappeto. I quattro sono accusati di violenza privata e lesioni aggravate dall'odio razziale.

Come riporta Sandra Figliuolo in un articolo sul Giornale di Sicilia, sono stati inflitti quattro anni e tre mesi di reclusione ad Emanuele Spitalieri, quattro anni a testa ai fratelli Salvatore e Roberto Vitale e tre anni alla moglie di Spitalieri, Valentina Mattina.

«Neri di merda, dovete morire entro stasera, vi ammazziamo tutti!», è stata una delle frasi pronunciate prima del pestaggio e che ora vale l'aggravante dell'odio razziale.

Il giudice ha inoltre riconosciuto il diritto al risarcimento del danno ai sei ragazzi, nonché al Comune di Partinico e alla Città metropolitana di Palermo, che si sono costituiti parte civile.

Per gli altri quattro imputati è in corso il dibattimento davanti al tribunale.

La notizia completa sul Giornale di Sicilia. 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X