PROCESSO PANTA REI

Mafia, pena ridotta per Teresa Marino: boss a Palermo e nonna già a 38 anni

mafia, Ludovico Scurato, Teresa Marino, Tommaso Lo Presti, Palermo, Cronaca
Teresa Marino

Condanne pesantissime al processo Panta Rei. In primo grado complessivamente erano state inflitte pene per oltre due secoli e mezzo, ma in appello si supera i tre secoli, perché in alcuni casi i giudici hanno valutato in maniera più grave i comportamenti dei singoli, soprattutto quelli che avevano ruoli di rilievo, e hanno così aumentato l’entità delle condanne, così come richiesto dall'accusa.

Al processo, che vede alla sbarra boss, estortori e gregari di Cosa nostra dei clan di Porta Nuova, Villabate e Bagheria, spicca la figura di Teresa Marino, moglie di Tommaso Lo Presti, detto il Pacchione: ma per la donna, a differenza di altri imputati, c’è uno sconto di pena perche viene meno l'accusa di traffico di droga. In primo grado era stata condannata a 14 anni, in appello invece 10 anni e 8 mesi.

Teresa Marino oggi ha 42 anni, ma già quando fu arrestata, tre anni e mezzo fa, oltre a essere madre di 5 figli, era anche nonna. Come spiega Riccardo Arena sul Giornale di Sicilia in edicola, non avrebbe vissuto solo all'ombra del marito, ma avrebbe comandato con l'ausilio di Ludovico Scurato, suo collaboratore, e con un reggente, Paolo Calcagno, incaricato di intrattenere i rapporti con le vittime e di incassare da loro il pizzo.

Mafia a Palermo, condanne per 3 secoli al processo Panta Rei: nomi e foto

A Teresa Marino Cosa nostra pagava anche le rate del mutuo di casa grazie ai proventi dello spaccio di droga e del pizzo. Il 25 giugno del 2015 era finita ai domiciliari nell’ambito di un’indagine della Guardia di finanza, ma nonostante tutto, nella sua casa in via Cipressi riceveva capi e gregari e pianificava gli affari del mandamento di Porta Nuova.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X