stampa
Dimensione testo
MADONIE

Piano Battaglia, quella strada provinciale chiusa da 13 anni

di

Viabilità in ginocchio e zero servizi nei paesi madoniti. Il sindaco di Polizzi Generosa, Giuseppe Lo Verde, torna sugli storici disservizi e punta il dito sulla Sp 119 che collega Polizzi con Piano Battaglia, una strada chiusa da tredici anni. Nonostante gli splendidi paesaggi e la vicinanza al mare i paesi del comprensorio sono penalizzati da strade chiuse o piene di neve. Soltanto ieri è arrivato l'annuncio dell'aumento degli spazzaneve sulle strade che per arrivare alla località sciistica.

"A fare scattare la chiusura è stato un masso scivolato tredici anni fa su questa strada sulla cui caduta non si è mai voluta fare piena luce - spiega Lo Verde -. La strada ad oggi è ancora sottoposta ad ordinanza di chiusura nonostante da quel giorno su questa strada non siano più caduti altri massi. Quali interessi si nascondono dietro questa chiusura? A quale comune giova la chiusura della strada che collega Polizzi con Piano Battaglia? Chiedo l'immediata apertura di questa strada perché rappresenta un occasione economica per Polizzi Generosa"..

E ancora: "E' bene ricordare, a chi non lo sapesse, che tanti turisti della neve, ma anche quelli estivi che vanno alla ricerca di refrigerio in estate, fino a tredici anni fa raggiungevano Piano Battaglia attraverso questa strada. Erano turisti del fine settimana che molte volte si fermavano a Polizzi prima di raggiungere Piano Battaglia o dopo esserne scesi. Turisti ai quali da tredici anni è vietato venire a Polizzi perché non possono raggiungere la nostra località di montagna più bella ed importante. Turisti che non venendo più a Polizzi hanno reso la nostra città ancora più povera. Tutto questo a vantaggio di qualche altro comune vicino".

Il sindaco Lo Verde chiede l'intervento del presidente della Regione Nello Musumeci affinché si faccia chiarezza per fare piena luce su questa vicenda. " È necessario intervenire per ridare a Polizzi ciò che gli spetta, il collegamento con un pezzo di suo territorio tra i più importanti e tra i più ricercati dai turisti. Non si può privare Polizzi del collegamento con Piano Battaglia perché questo territorio ci appartiene".

Domenica scorsa centianaia di turisti e anche il vescovo di Cefalù, Giuseppe Marciante, sono rimasti bloccati nel traffico paralizzato per oltre due ore. In molti sono stati costretti a tornare indietro. Proprio Monsignor Marciante ha preso parte alla Festa della Madonna delle Nevi nella chiesetta ai 1.500 metri di altezza e alla breve processione con banda e tamburi e una folla di fedeli.

I gestori delle strutture alberghiere sono delusi o arrabbiati. Il titolare del Rifugio Marini, Giovanni Faletra, ha reso pubblico il suo sfogo raccontando dei danni per la sua attività.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X