stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Palermo, la presidente di Medici senza Frontiere: "Da un anno vittime di attacchi"
PALAZZO DELLE AQUILE

Palermo, la presidente di Medici senza Frontiere: "Da un anno vittime di attacchi"

"Da un anno e mezzo siamo vittime di attacchi, è stata un’escalation. Si è cominciato prima con attacchi mediatici, con i cosiddetti taxi del mare, per gettare discredito, poi, non essendoci riusciti, si è passati ad attacchi legali». Lo ha detto la presidente di Medici senza frontiere Italia Claudia Lodesani, a Palermo, a margine di un incontro a palazzo delle Aquile, parlando dell’avviso di conclusione delle indagini notificato dalla Procura di Ragusa al comandante e al capo missione delle nave Proactiva Open Arms, ipotizzando i reati di violenza privata e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

"Criminalizzare le Ong è preoccupante - ha aggiunto - vuol xdire ledere i diritti umani non solo di una minoranza ma di tutti". Alla domanda c'è un piano dietro, Lodesani ha risposto: "sicuramente, noi siamo occhi e testimoni scomodi e per lo meno non è causale». "Noi - ha aggiunto la presidente di Medici Senza Frontiere Italia - abbiamo subito attacchi dai quali siamo usciti a testa alta. Adesso c'è la vicenda di Catania sui rifiuti, che è tristemente famoso. Il nostro atteggiamento è collaborare, non abbiamo nulla da nascondere. Le altre navi in modo diverso state attaccate tutte allo stesso modo: Sea Watch è stata bloccata a Malta e per Open Arms è la seconda volta che succede una cosa simile. Rientra tutto nello stesso calderone di criminalizzazione delle Ong», ha osservato.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X