stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Brusca: "Cosa nostra voleva sequestrare Ardizzone"
L'UDIENZA

Brusca: "Cosa nostra voleva sequestrare Ardizzone"

Cosa Nostra, mafia, Giovanni Brusca, Palermo, Cronaca
Giovanni Brusca al momento dell'arresto

Cosa nostra a Palermo «aveva pensato di sequestrare Ardizzone», allora editore del Giornale di Sicilia, «a scopo di estorsione», ma poi il progetto non fu realizzato. Lo ha affermato il pentito Giovanni Brusca, in video conferenza col Tribunale di Catania, sollecitato dal Pm Antonino Fanara nell'udienza del processo per concorso esterno all'associazione mafiosa all'editore Mario Ciancio Sanfilippo.

Del piano aveva già parlato il pentito Gaspare Spatuzza, che lo aveva collocato temporalmente «dopo le stragi del 1992 e del 1993». Brusca, rispondendo alle domande del magistrato, che in aula ha rappresentato l'accusa assieme al Pm Agata Santonocito, ha detto anche che «c'era un "articolista" del giornale che scriveva pezzi a favore dei cugini Salvo». Il pentito ha poi parlato dei rapporti «dei cavalieri del lavoro Costanzo» con Cosa nostra perché «erano interessati agli appalti pubblici a Palermo».

Tra questi ha citato la realizzazione del Palazzetto dello sport per il quale «ci fu un incontro a Palermo tra il cavaliere Costanzo, i cugini Salvo e Totò Riina». Lui non partecipò alla riunione, limitandosi «ad accompagnare" il "capo dei capi". Alla domanda se il Palazzetto dello Sport e il Palazzo di vetro fossero la stessa cosa, ha risposto di non saperlo. Ha confermato il ruolo di Angelo Siino come «delegato di Cosa nostra per gli appalti» e di sapere chi fosse il medico Mercadante, che, ha detto, «era a disposizione», ma di «non averlo conosciuto».

A conclusione dell'udienza l'accusa ha depositato agli atti del processo il decreto di sequestro e confisca dei beni di Mario Ciancio Sanfilippo e il dispositivo d'appello della difesa, presentato dagli avvocati Carmelo Peluso, Francesco Colotti e Nerio Giuseppe Diodà. Il processo è stato aggiornato al prossimo 15 gennaio con l'audizione dei pentiti Gaetano D'Aquino e Santo La Causa, che non sono stati sentiti oggi per problemi nei collegamenti della videoconferenza.

In una nota della direzione del Giornale di Sicilia si legge: «Dell’ipotesi di sequestro di Antonio Ardizzone molti altri avevano parlato prima di Giovanni Brusca. Ne prendiamo atto. Così come prendiamo atto - con rammarico ma senza sorpresa - del fatto che Brusca parla di un "articolista che scriveva pezzi a favore dei Salvo”, senza citarne il nome, né indicando circostanze specifiche. Cosa che rende quindi del tutto inconsistente il peso di questa dichiarazione, che ovviamente non trova alcun riscontro nella realtà».

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X