stampa
Dimensione testo
L'OMICIDIO

Palermo, sparò e uccise il vicino di casa all'Arenella: chiesto l'ergastolo per la ventenne

di

Il pm Renza Cescon ha chiesto la condanna all’ergastolo per Alessandra Ballarò, la ragazza di 20 anni che sparò al vicino di casa a ottobre scorso durante una lite in strada all'Arenella.

Per il consulente della procura, sentito dal gip Maria Cristina Sala, Alessandra Ballarò era capace di intendere e volere ma non aveva il controllo delle emozioni per le troppe paure e angosce legate ai precedenti scontri con i vicini e per la morte della madre.
Alessandra Ballarò, dopo una lite uccise un vicino di casa, Leonardo Bua, e ferì gravemente il fratello, Giuseppe. La giovane ha confessato il delitto ai poliziotti della squadra mobile che sono arrivati nella piazzetta dell'Arenella e hanno scoperto anche alcune telecamere che hanno ripreso in diretta l'omicidio.

"Avevo paura che ammazzassero mio padre, lo stavano aggredendo con bastoni chiodati. Lui e le mie sorelle sono le uniche persone che mi sono rimaste. Sono disperata e pentita, ma non si può tornare indietro", raccontò al gip rivelando la lite che l'aveva poi portata a sparare ai Bua. E proprio la condizione di fragilità dovuta alla perdita della madre, allo stato di salute del padre e alle tensioni con i vicini hanno spinto il consulente a parlare di "discontrollo delle emozioni", uno stato mentale che avrebbe inciso sul raptus avuto dalla ragazza ma che non l'avrebbe privata della capacità di intendere e di volere.

Così il pm ha chiesto oggi la condanna all’ergastolo. La sentenza, nel processo che si svolge davanti al Gup Fabrizio Anfuso, è attesa per il 10 luglio.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X