stampa
Dimensione testo
GDS IN EDICOLA

I soldi di Sicilia Digitale, nuova accusa di peculato per Ingroia

di
peculato, sicilia digitale, Antonio Ingroia, Palermo, Cronaca
Antonio Ingroia

PALERMO. Un’altra inchiesta per peculato contro l’ex pm ed ex magistrato Antonio Ingroia: i suoi ex colleghi della Procura di Palermo gli contestano di essersi autoliquidato - anche quest’anno, oltre che tra il 2014 e il 2016, le annualità già contestate in precedenza - compensi non dovuti.

Somme cioè che supererebbero i limiti previsti dalle leggi, per la sua attività di manager della società regionale Sicilia Digitale, erede di Sicilia e-Servizi, guidata sempre da Ingroia, su designazione di Rosario Crocetta.

Per il coordinamento dell’azienda che gestisce la piattaforma informatica della Regione - come riporta il Giornale di Sicilia oggi in edicola -, secondo il Nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza, Ingroia avrebbe fatto riferimento a una legge nazionale, a lui più favorevole, piuttosto che a quella regionale, che prevede un tetto massimo che, secondo alcune interpretazioni restrittive, non potrebbe superare i 30 mila euro.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X