stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Istanza di fallimento del Palermo, i giudici nomineranno 3 esperti per analizzare i conti
TRIBUNALE

Istanza di fallimento del Palermo, i giudici nomineranno 3 esperti per analizzare i conti

di

PALERMO. La sezione fallimentare del tribunale di Palermo - con il collegio composto dal presidente Giovanni D’Antoni, dal giudice delegato Giuseppe Sidoti e dal giudice anziano Raffaella Vacca - ha disposto una consulenza per decidere l’istanza di fallimento del Palermo calcio presentata dalla Procura, secondo la quale la società sarebbe insolvente.

Saranno tre esperti nominati dai giudici ad analizzare i conti del Palermo. I periti - uno di Bologna, uno di Pescara e l’altro di Palermo - dovranno capire se ci sono i presupposti per l’inizio di un’eventuale procedura di fallimento. “Il Tribunale ha ritenuto in maniera garantista - ha detto il presidente Giovanni Giammarva - di disporre una perizia. Ci possono essere anche nuovi quesiti. Così verra fugato ogni dubbio. Noi rimaniamo sereni perché sicuri di quello che abbiamo analizzato”.

Come ha detto l’avvocato Francesco Paolo Di Trapani, la società potrà comunque operare nel mercato. “La società - ha spiegato - può operare perché in bonis. Noi prendiamo atto di questo provvedimento ma lo stesso non ha nessun condizionamento rispetto all’attività ordinaria”. “Adesso leggeremo per bene - ha proseguito - i quesiti nella perizia stabiliti dal tribunale. Di sicuro nelle carte da noi presentate ci sono documenti più attuali di quelli presi in considerazione dalla Procura”.

“Da parte nostra c’è la massima disponibilità - ha detto Giammarva - per fornire ulteriori documenti, se dovessero servire ai periti del Tribunale”. I periti hanno 50 giorni per presentare la bozza di consulenza tecnica, a quel punto gli avvocati e la Procura potranno fare le loro osservazioni nei successivi 10 giorni e poi i consulenti avranno ulteriori 10 giorni per consegnare la perizia definitiva.

 

Secondo i magistrati (che hanno avviato anche un’indagine penale a carico del proprietario del Palermo, Maurizio Zamparini, e altre sette persone per riciclaggio e autoriciclaggio) il club avrebbe falsato i bilanci, gonfiato il valore del marchio, fatto vendite fittizie. Tutto questo causerebbe l’impossibilità di coprire in futuro debiti stimati in 62 milioni di euro.

Secondo i pm, il Palermo ha debiti per 62,9 milioni di euro cui 9,2 milioni nei confronti dell'erario e 280 mila verso istituti di previdenza e sicurezza, di cui 5 milioni non pagati; patrimonio netto negativo al 30 giugno 2017 di 18,3 milioni; la previsione dei flussi di cassa al 30 giugno prossimo è negativo (meno 27,7 milioni); c'è anche un omesso versamento di Iva per un milione e 800 mila euro. A rendere problematica la situazione contabile ci sono anche un “piano di ammortamento del debito erariale, pari a soli 8 milioni di euro al 30 giugno 2017, concluso a fronte dell'incapacità di sostenere l'unitario pagamento”, il pignoramento di 200 mila da parte di Riscossione Sicilia per un debito che la società ha nei confronti della Federcalcio e la revoca del fido bancario da parte di Unicredit.

Di parere opposto i legali della società e il presidente Giovanni Giammarva. Il pool di avvocati - i legali Francesco Pantaleone, Francesca Trinchera e Gaetano Terracchio, a cui si sono aggiunti gli avvocati Francesco Paolo Di Trapani e Nicola De Renzis - il primo di Palermo e il secondo toscano - e Lorenzo Stanghellini, docente di diritto commerciale alla facoltà di Giurisprudenza di Firenze – ha presentato altri conti. La vicenda (anche quella penale) ruota infatti attorno alla cessione della Mepal. Il 26 giugno 2014 l'Us Città di Palermo conferisce a Mepal, amministrata dal figlio di Maurizio Zamparini, Diego Paolo, e partecipata al 100% dalla stessa società, il ramo di azienda per il merchandising. Il marchio viene valutato 23 milioni di euro. Cifra che scende a 17 milioni considerato il debito con Unicredit per il contratto di lease back del marchio.

Il 30 giugno 2016 l'Us Città di Palermo vende tutte le partecipazioni di Mepal ad Alyssa, società lussemburghese riconducibile alla famiglia Zamparini. Il prezzo è fissato a 40 milioni di euro. Solo che, secondo i pm, Alyssa non ha onorato la prima rata, scaduta il 30 giugno 2017. Il Palermo ha però ribattuto di avere un accordo per il quale i pagamenti sono stati posticipati al 30 maggio 2018 e al 30 giugno 2019. A garantire per Alyssa c’è inoltre un'altra società dello stesso Zamparini, la Gasda spa, la grande scatola che contiene tutte le attività del gruppo che fa capo all'imprenditore friulano. Peraltro, secondo i consulenti di parte, non si è tenuto conto dei diritti televisivi collegati al marchio stesso.

I consulenti di Zamparini dissentono dalla svalutazione del parco giocatori. Ritengono che valga 43 milioni di euro e non i 23 stimati dal perito dell'accusa. Una stima che non avrebbe tenuto conti dell'aumento di valore di calciatori come Rispoli, Cionek, Jajalo e soprattutto Nestorovsky che da soli garantiscono una plus valenza di quasi 15 milioni di euro. Inoltre non sarebbe stato preso in considerazione il valore di alcuni calciatori, probabilmente perché provenienti dal vivaio. È il caso di Simone Lo Faso che viene inserito nell'elenco dei giocatori ceduti. Ed invece si tratta di un prestito per 300 mila euro con diritto di riscatto in favore della Fiorentina fissato a 2 milioni e 700 mila euro. Soldi che non sarebbero stati considerati dall'accusa. Per quanto riguarda i 9 milioni di debiti tributari, il Palermo risponde di avere sempre pagato tutte le rate dei piani di ammortamento concordati con il fisco.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X