stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Audio su Forello, Addiopizzo: vie legali contro Cottone
IL CASO

Audio su Forello, Addiopizzo: vie legali contro Cottone

PALERMO. ''Posto che ogni socio è personalmente libero di sostenere e aderire a qualsiasi partito politico, nessuno di Addiopizzo è attualmente o è mai stato in passato iscritto al movimento cinque stelle''. Lo dice in una lunga nota l'associazione antiracket Addiopizzo dopo i veleni seguiti alla pubblicizzazione di un audio del luglio 2016, in cui si sente un colloquio di 30 minuti tra Andrea Cottone (dello staff del M5s alla Camera), il deputato Riccardo Nuti e altri parlamentari del movimento a lui vicini che chiedono al giornalista notizie su Ugo Forello che voleva candidarsi a sindaco di Palermo per il M5s. Cottone racconta delle dinamiche interne ad Addiopizzo, di cui faceva parte.

''Andrea Cottone, l'autore delle diffamazioni contenute nel video, è stato un nostro socio e ha lasciato Addiopizzo nell'estate 2008. Tuttavia, molti dei fatti citati riguardano un periodo successivo alla sua uscita dall'associazione. Ascoltarlo ci ha addolorato molto. Un attacco grave, delegittimante e profondamente ingiusto che ci pone davanti a una scelta inevitabile, quella di procedere per vie legali''.

Cottone racconta delle dinamiche interne ad Addiopizzo, di cui faceva parte. ''Perché la denuncia - continua Addipizzo - è l'atto che sancisce il bisogno di stabilire una verità, esprimere dissenso e prendere consapevolezza del proprio diritto. Questo abbiamo fatto in questi anni: accompagnare centinaia di uomini e donne a esprimere, attraverso la denuncia, il diritto-dovere di esercitare il rispetto di se stessi, innanzitutto''

E ancora: ''Le spese legali riconosciute ad Addiopizzo e accreditate sul conto dell'associazione, devono essere secondo legge girate agli avvocati, perché non sono somme dell'associazione, ma denaro-parcelle stabilite dai Giudici a titolo di refusione di oneri professionali. Per quanto riguarda i risarcimenti, Addiopizzo ha materialmente percepito soltanto 10 mila euro per danni riconosciuti in sede di giudizio. Dal 2009 infatti, con l'entrata in vigore del Decreto Sicurezza, è stata esclusa la possibilità per le associazioni e gli enti pubblici di accedere al fondo vittime di mafia, che fino ad allora pagava i risarcimenti a loro riconosciuti. Quindi Addiopizzo dalle costituzioni di parte civile non riceve un euro da poter utilizzare per le proprie attività''.

''Non abbiamo mai avuto la presunzione di essere intoccabili nè tanto meno di esimerci dal confronto con gli altri. Abbiamo enorme rispetto della pluralità delle opinioni, ma crediamo di meritare rispetto e pretendiamo solo critiche costruttive che ascolteremo e prenderemo in considerazione, come sempre''.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X