stampa
Dimensione testo
PALERMO

Omicidio Fragalà, la Procura chiederà giudizio immediato per i sei indagati

di

PALERMO. Il Riesame ha respinto le istanze di scarcerazione di Antonino Abbate, Salvatore Ingrassia, Antonino Siragusa, Paolo Cocco e Francesco Arcuri, accusati dell'omicidio di Enzo Fragalà, l'avvocato palermitano ucciso a bastonate vicino al suo studio il 23 febbraio del 2010. L’unico ad aver rinunciato al riesame è stato Francesco Castronovo, arrestato con l’accusa di essere uno dei killer.

E intanto, la Procura di Palermo chiederà il giudizio immediato per le sei persone coinvolte che potrebbe consentire di saltare la fase dell'udienza preliminare. Peraltro per tre accusati - Arcuri, Siragusa e Ingrassia - i termini di custodia stanno per scadere perché vennero arrestati anni fa, per la stessa vicenda, e poi scarcerati. Il procedimento venne infatti archiviato. Il carcere già scontato, però, si somma a quello che stanno subendo in virtù della nuova indagine.

Castronovo, unico anche ad aver risposto al gip negli interrogatori di garanzia, si è difeso smentendo il suo coinvolgimento nell’omicidio e sostenendo che il pentito Francesco Chiarello, suo principale accusatore, aveva motivi di risentimento nei suoi confronti perchè aveva una relazione con la moglie.

Omicidio Fragalà, ecco chi sono i sei arrestati - Nomi e foto

Fragalà sarebbe stato ucciso induceva i suoi assistiti a collaborare con gli investigatori, una linea che Cosa nostra non avrebbe «gradito». Gli assassini avrebbero avuto l'incarico di dargli una lezione che doveva servire a tutta la categoria forense. Ma l’aggressione fu tanto violenta e brutale che il penalista perse la vita.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X