stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Il racket delle auto a Palermo, ma col permesso del boss
L'INCHIESTA

Il racket delle auto a Palermo, ma col permesso del boss

di

PALERMO. Sono organizzati in «squadre», dividono i profitti e, se necessario, aiutano chi finisce in carcere, come spiegano loro stessi nelle intercettazioni. Sanno essere “sensibili” e se la macchina che hanno appena rubato appartiene ad un disabile per restituirla sono disposti a praticare sconti particolari.

Furti ed estorsioni, a Palermo la banda della auto rubate: nomi e foto degli arrestati

Ma i ventisei membri della presunta banda specializzata in furti d’auto e cavalli di ritorno (cioè estorsioni), arrestati venerdì dalla Squadra mobile, avrebbero dovuto rendere conto delle loro attività anche a Cosa nostra, pagando una tangente per poter lavorare. Sono questi alcuni dei retroscena che emergono dall’ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip Filippo Serio, che ha sostanzialmente accolto le richieste del procuratore aggiunto Leonardo Agueci e dei sostituti Francesca Mazzocco, Caterina Malagoli e Ferdinando Lo Cascio.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X