stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Tagli all'ospedale Giglio di Cefalù, proclamato stato di agitazione
SANITA'

Tagli all'ospedale Giglio di Cefalù, proclamato stato di agitazione

PALERMO. I sindacati della Funzione pubblica di Cgil, Cisl Uil e Ugl hanno proclamato lo stato di agitazione del personale contro il ridimensionamento annunciato dell'ospedale Giglio di Cefalù.

Ieri, nella cittadina normanna, si è svolta una seduta pubblica del consiglio comunale convocata per dire no al piano di rimodulazione della rete ospedaliere siciliana con il quale viene fortemente ridimensionato l'ospedale Giglio.

In prima fila i sindaci e i presidenti dei consigli comunali di 24 paesi delle Madonie e della provincia di Messina, anche loro allarmati per la paventata soppressione di cinque reparti di alta specializzazione e la trasformazione del Giglio da struttura di rilievo regionale a presidio sanitario locale.

LA LETTERA AL PAPA. "Caro Papa Francesco, chi ti scrive è una comunità di 700 famiglie che da 15 anni è devota alla tutela della salute di un grosso bacino di territorio che comprende le Madonie e i Nebrodi (circa 650 mila persone)". Inizia così la lettera indirizzata dai dipendenti dell'ospedale Giglio di Cefalù al Santo Padre dopo l'annunciato declassamento della struttura sanitaria con la nuova rete regionale.

"Questa nostra vocazione - scrivono - è stata violentemente deturpata in circa 15 minuti, periodo nel quale abbiamo appreso che avremmo dovuto sospendere drasticamente questa missione nei confronti del nostro prossimo. Tutto ciò addolora profondamente le nostre coscienze poiché ci rende vani nel porre un aiuto sia sanitario che umanitario nei confronti della gente che ci circonda".

A sostegno del Giglio sono scese le sorelle Francescane di Tusa, comune del messinese, con una lettera aperta "per cercare di impedire che la bella realtà dell'ospedale Giglio di Cefalù, venga irrimediabilmente ferita e impoverita con la chiusura di preziosi reparti".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X