PALERMO

Svolta nel duplice omicidio di Falsomiele: fermati marito e moglie - Foto, video e nomi

In manette un geometra del Comune e sua moglie. La loro auto filmata dalle telecamere
falsomiele, omicidio, Adele Velardo, Carlo Gregoli, Vincenzo Bontà, Palermo, Cronaca
Gregoli, 52 anni, è un geometra del Comune

PALERMO. Svolta nelle indagini sul duplice omicidio di Falsomiele a Palermo. Nella notte sono stati fermati i due coniugi che già ieri sera erano stati interrogati dai pm come sospettati dell'agguato mortale.

Duplice omicidio di Falsomiele, ecco chi sono i fermati - Nomi e foto

La mafia, dunque, non sembra avere nulla a che fare con la morte di Vicenzo Bontà, il genero del boss Giovanni Bontade, e di Giuseppe Vela, bracciante che lavorava sui terreni che il primo gestiva nella zona di Villagrazia. Sono finiti in manette due insospettabili: Carlo Gregoli, 52 anni, impiegato presso i servizi cimiteriali del Comune, e sua moglie Adele Velardo, 45 anni, casalinga. Per entrambi l'accusa di omicidio.

Poco prima dell'omicidio, una telecamera sistemata davanti al cancello di una villa, ha ripreso il loro Suv Toyota e la Fiat 500 di Bontà. Pochi minuti dopo l'auto dei due fermati torna indietro. C'è anche un testimone che ha visto un uomo di spalle mentre sparava.

Uccisi due uomini a Palermo: le foto da via Falsomiele

Con questi indizi è scattato il provvedimento di fermo. Ma i coniugi non hanno confessato e ancora non è chiaro il movente.

"La coppia non ha confessato - dice Rodolfo Ruperti, che dirige la squadra mobile - e non ha collaborato neppure davanti ad alcune evidenze; marito e moglie hanno continuato a negare un coinvolgimento nel duplice delitto. Ma noi abbiamo tutti gli elementi investigativi che ci portano dritti ai due".

Grazie alle immagini riprese da una telecamera e dal racconto di un testimone ci sarebbero pochi dubbi su quanto avvenuto ieri mattina. "Riteniamo che siano entrambi coinvolti in questa tristissima vicenda - dice Ruperti - Sulle cause stiamo ancora cercando di capire, al momento la pista mafiosa sembra non esserci più, anche se si deve chiarire il movente. Abbiamo elementi - aggiunge Ruperti - che ci fanno ritenere che hanno sparato con due armi. Grazie ad alcune attività tecniche, siamo riusciti a fornire alla Procura della Repubblica, che poi ha emesso un provvedimento di fermo per i gravi indizi a carico della coppia".

R.C.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X