stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Sos dalla villetta «Paolino Giordano» a Palermo: erbacce, alberi da potare e degrado
DAI LETTORI

Sos dalla villetta «Paolino Giordano» a Palermo: erbacce, alberi da potare e degrado

Pubblichiamo gli sms e le e-mail inviati a Ditelo a Rgs (in onda da martedì a sabato su Tgs e Rgs, vedi la pagina dei programmi TV) e alla pagina del Giornale di Sicilia su Facebook. Il numero accanto ai titoli indica le segnalazioni pervenute.

Rifiuti/1064

  • Giuseppe Colletti da via Bainsizza
    Vorrei solamente aggiungere alle numerose segnalazioni dei cittadini sulla raccolta dei rifiuti che nel nostro condominio (via Bainsizza 7/9) ormai da un anno siamo privi dei contenitori per la raccolta differenziata ed io ho scritto più di una mail alla Rap, sportello Urp, senza essere degnato di alcuna risposta. Ho anche telefonato e mi è stato risposto di mandare una mail così avrebbero girato la segnalazione. Ma Urp non sta a indicare Ufficio relazioni con il pubblico? E il cittadino come viene considerato? O forse «pubblico» è inteso solo come insieme di spettatori che applaude?
    Un articolo a pagina 31 del Giornale di Sicilia in edicola

 

Traffico/395

  • Salvo da viale Strasburgo
    Vorrei far presente il continuo disagio oltre che il pericolo per i pedoni che transitano per viale Strasburgo, all'altezza del semaforo con via Aldisio. Sul marciapiede centrale esiste un muretto risalente a più di 40 anni fa che impedisce di attraversare tranquillamente e di raggiungere velocemente la fermata degli autobus. Inoltre l'esistenza abusiva del fioraio impedisce l'attraversamento pedonale.

 

Verde/163

  • Antonio da via Fabio Besta
    Nella villetta intitolata a Paolino Giordano, in via Fabio Besta, le aiuole sono piene di erbacce, gli alberi non vengono potati da secoli e sono diventati dei cespugli senza forma e le sterpaglie tolte diversi mesi fa sono rimaste abbandonate tra i viali senza che nessuno sia venuto mai a prelevarle (nella foto). Eppure, quando fu inaugurata questa villetta, venne pure il sindaco Orlando in persona. Perché in questa città non riusciamo ad amare i pochi spazi di verde che abbiamo? Perché non si riesce a fare una manutenzione ordinaria? So anche che questa villetta dovrebbe essere uno dei famosi «giardini condivisi» adottati dalla città... evidentemente senza successo.

Non ha torto il signor Antonio quando sottolinea i dubbi sul successo dei «giardini condivisi»: l’iniziativa del Comune per coinvolgere cittadini e associazioni sulla cura del verde in città. Dalle stanze di Palazzo delle Aquile arriva il tentativo di riprovarci con il progetto «Rimboschiamo la città». L’obiettivo è di tracciare una vera e propria «green way» che si snoderà tra la circonvallazione, la zona di viale dell’Olimpo e l’area di Brancaccio. Saranno necessari circa cinquemila alberi in tutto, di cui duemila arriveranno dall’Amat per ricompensare il verde abbattuto con i lavori del tram. L’assessore al Verde, Francesco Maria Raimondo, ha così preso la palla al balzo per avvaire l’opera di rimboschimento cittadino, ma soprattutto riproporre - in veste nuova - la manovra dei Giardini condivisi, che tanto piacque all’inizio ai palermitani di buona volontà, ma che ad oggi non conta neppure una decina di affidamenti: anche con «Rimboschiamo la città», infatti, dal Comune viene data la possibilità a privati, associazioni ed enti di «adottare» una o più aree in cui verranno piantumati i primi mille alberi; dovranno «prendersene cura ed effettuarvi la manutenzione ordinaria».

 

  • Antonio da Borgo Nuovo
    Sono un volontario di protezione civile, vi contatto dalla zona di Borgo Nuovo: ancora una volta gli alberi non vengono potati. Ho fatto tante volte richiesta di intervento, ma ancora non vedo nessuno che pensa a potare tutti questi alberi ormai diventati pericolosi. Coprono perfino l'illuminazione stradale. In via Acireale è un'indecenza.

 

Servizi/162

  • Giampaolo Tulumello da via Paruta
    Gentile redazione volevo porre alla vostra attenzione il caso della via Palmerino, lato monte, tenuta chiusa per un anno intero per lo scavo di una fogna. Ad oggi i lavori sembrano ultimati ma nessuno ha provveduto a risistemare il manto di bitume per poter utilizzare il tratto di strada che una trincea con fossi profondi. Il tratto di strada è decisamente importante perché collega la zona di via Paruta con la Circonvallazione e viceversa.

 

Illuminazione/103

  • Gaetano Giudice da Misilmeri
    A Piano Stoppa, a Misilmeri, domenica scorsa è mancata la luce per 12 ore e due settimane prima è mancata 24 ore. Questo disagio si ripete continuamente, ma non si provvede mai seriamente, in 11 anni che ci abito la situazione non è mai migliorata, anzi mi sembra che peggiori. Noi qui viviamo in un abbandono totale, senza contare che ci allaghiamo quando piove e senza contare che non abbiamo nemmeno una luce pubblica e una fognatura. La spazzatura ci invade continuamente e fa da ornamento nelle nostre strade.

 

  • Giuseppe Falletta da Villabate
    Nel tratto del Ponte Giafar, alle porte di Villabate (autostrada ) ci sono pali per l'energia elettrica che dovrebbero illuminare sia la corsia che entra a Palermo sia la corsia che porta a Villabate. Ma i lampioni sono sempre spenti. Forse mancano i soldi al Comune di Palermo per illuminare il tratto incriminato? È una vergogna.

 

Segnalate alla pagina Facebook di Ditelo a Rgs, su Twitter @diteloargs o via mail a ditelo@gds.it. Per scrivere al sito: web@gds.it.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X