stampa
Dimensione testo
VIALE PIAZZA ARMERINA

Rapina in una farmacia a Borgo Nuovo a Palermo

di
Un uomo armato di una spranga in ferro di circa 20 centimetri è entrato nell'esercizio commerciale e ha chiesto alla farmacista l'incasso

PALERMO. Rapina questo pomeriggio alla farmacia La Rizza in viale Piazza Armerina nel quartiere Borgo Nuovo a Palermo. Un uomo armato di una spranga in ferro di circa 20 centimetri è entrato nell'esercizio commerciale e ha chiesto alla farmacista l'incasso. Poi l'uomo è fuggito. La rapina è stata ripresa dalle telecamere. Federfarma e Utifarma chiedono alla prefettura di Palermo e al ministero la firma del protocollo per la sicurezza che consente maggiore protezione alle farmacie.

Nei giorni scorsi Federfarma e Utifarma avevano lanciato l'allarme del fatto che fosse fermo da giugno al ministero dell’interno il protocollo di sicurezza che consente maggiore protezione alle farmacie siglato dalle due organizzazioni con la prefettura di Palermo e le organizzazioni di categoria.

“Dopo l’assassinio della dottoressa Giuseppina Iacona da parte di un rapinatore, avvenuto a Blufi il 21 novembre 2013, a Palermo e provincia c’è stata un’escalation di rapine sempre più violente con le farmacie diventate il bancomat dei criminali. Fino a ieri due nella stessa giornata: a Trabia e nella zona di Tommaso Natale", si legge in una nota.

"Le reiterate richieste di maggiore protezione avanzate alla Prefettura da Federfarma Palermo hanno ottenuto l’impegno personale del ministro dell’Interno Angelino Alfano e del prefetto Francesca Cannizzo, culminati lo scorso mese di giugno - durante una riunione del Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica cui ha preso parte una delegazione di Federfarma Palermo - nella definizione di un Protocollo di collaborazione con la Prefettura che, recependo quello nazionale del 2010 tra ministero dell’Interno e Federfarma, consente di dotare le farmacie di Palermo e provincia di sistemi di allarme e videosorveglianza direttamente collegati con le centrali operative delle forze dell’ordine, attivabili dai farmacisti e dal personale durante le rapine per consentire a polizia e carabinieri di vedere in tempo reale ciò che accade all’interno e di garantire tempestivi e mirati interventi di repressione dei crimini in corso e di tutela dell’incolumità di operatori e clienti delle farmacie”.

Sistemi che avrebbero inoltre un notevole effetto deterrente, essendo prevista l’esposizione all’esterno di cartelli di segnalazione della loro presenza. “Spiace osservare – lamenta il presidente di Federfarma Palermo, Roberto Tobia – che, nonostante la sensibilità e l’impegno del ministro Alfano, del prefetto Cannizzo e dei vertici delle forze dell’ordine, purtroppo da giugno il testo si trova al ministero dell’Interno, pare per apportarvi minimi ritocchi. Frattanto – aggiunge Tobia – le farmacie continuano ad essere colpite da rapine con sempre più elevati livelli di violenza. Auspico – conclude Tobia – che la burocrazia del ministero, finita la pausa estiva, acceleri l’iter di valutazione del protocollo e ci consenta di sottoscriverlo al più presto. Nessuno può permettersi di mettere a rischio altre vite umane”.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X