stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Ucciardone senza soldi: agenti penitenziari con divise invernali
LA DENUNCIA

Ucciardone senza soldi: agenti penitenziari con divise invernali

di
«Con il caldo di agosto la situazione ambientale è diventata insostenibile». La direttrice: «Da Roma arrivano finanziamenti insufficienti»

PALERMO. Ore e ore in servizio con le divise invernali nelle postazioni di sentinella in vetro blindato sul muro di cinta del carcere che, sotto il sole, raggiungono temperature infuocate.

Turni massacranti anche nelle garitte interne, da dove si sorvegliano i detenuti. Spazi angusti, senza aria condizionata né ventilatori, dove «soffriamo terribilmente il caldo -denunciano gli agenti dell' Ucciardone - costretti a indossare la divisa pesante perché l' abbigliamento estivo, nonostante i ripetuti solleciti alla di rezione, non è mai arrivato. Non ce la facciamo più. Lavorare in queste condizioni è un inferno».
Si riaccende la protesta della polizia penitenziaria fra le mura borboniche di via Enrico Albanese. Dopo le manifestazioni sindacali organizzate nei mesi scorsi, alle quali hanno partecipato anche alcuni deputati del Movimento Cinque stelle, l'associazione peri Diritti e le tutele del personale di sicurezza torna ad alzare la voce, con un documento inviato ai vertici del carcere, in testa la direttrice Rita Barbera, oltre che ai dirigenti regionali e nazionali dell' amministrazione penitenziaria.

«Vogliamo più attenzione per le difficili condizioni che dobbiamo sopportare - dice Antonino Piazza, presidente del sodalizio -. Siamo servitori dello Stato e con abnegazione e sacrifici portiamo avanti i compiti istituzionali nelle patrie galere. Non meritiamo questo trattamento». È un appello, quello degli agenti, quasi un grido di dolore: «Malgrado le segnalazioni alla direzione, le varie proposte di collaborazione, non abbiamo ricevuto risposte soddisfacenti. Vuol dire che il miglioramento generale dei penitenziari, tanto auspicato dai vertici del ministero della Giustizia, nel nostro caso non vuole essere né applicato, né discusso», conclude il rappresentante dell' Ad8it.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X