TRAGEDIA AL GOA

Processo al buttafuori abusivo: «Chi ha ucciso Aldo copre qualcuno»

di
Respinta la richiesta di mettere il minorenne in prova per 3 anni, sì invece al rito abbreviato. L’imputato ha confermato di avere colpito la vittima

PALERMO. I suoi parenti sono entrati in aula vestiti di nero e tenendo in mano la sua foto. Ieri mattina si è aperto così davanti al tribunale per i minorenni il processo al presunto assassino di Aldo Naro, il medico di 25 anni, ucciso con un calcio lo scorso 14 febbraio, alla discoteca Goa.

L’imputato ha appena 17 anni e ha ribadito la sua versione, sostenendo che sì, è stato lui a dare quel calcio a Naro, ma che non avrebbe voluto ucciderlo. Proprio sulla scorta di questa versione l’avvocato del giovane ha chiesto di sospendere il processo e di concedere all’imputato la così detta messa alla prova per tre anni in strutture rieducative. In questo modo, di fatto, il reato viene estinto. I giudici hanno respinto questa richiesta ed hanno invece accolto la richiesta di celebrare il processo con il rito abbreviato.

Una soluzione che consentirà al ragazzo, in caso di condanna, di ottenere la riduzione di un terzo della pena. La sentenza potrebbe arrivare già a novembre. Durante l’udienza di ieri è stato recepito anche il parere degli assistenti sociali, secondo i quali, l’imputato avrebbe mostrato qualche segno di sofferenza, ma non avrebbe intrapreso un percorso che possa preludere alla semplice rieducazione. Non si sarebbe cioè «dissociato» dal suo gesto.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X