stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Smaltimento "fai da te" degli ingombranti a Palermo: tre denunce
CARABINIERI

Smaltimento "fai da te" degli ingombranti a Palermo: tre denunce

PALERMO. I carabinieri a Palermo hanno scoperto un servizio 'fai da te' per lo smaltimento di rifiuti ingombranti, nonostante l'esistenza di quello della Rap. Tre le persone denunciate: un signore che voleva disfarsi di rete, materassi ed elettrodomestici e due autotrasportatori che per 50 euro avevano avuto il compito di ritirare il materiale e portarlo lontano da occhi indiscreti. I due autotrasportatori, rispettivamente di 52 e 47 anni sono stati sorpresi mentre stavano scaricando alcuni rifiuti in via dell'Ermellino ed ai militari hanno detto di averli prelevati in un'abitazione di Tommaso Natale. I carabinieri sono così risaliti al committente. Il furgone utilizzato è stato sequestrato.

Al momento dell’arrivo dei Carabinieri, i due avevano già scaricato circa 4/5 metri cubi del materiale presente all’interno del mezzo, ammontante in totale a circa 15 metri cubi complessivi, che venivano nuovamente fatti caricare sul mezzo al fine di ripristinare lo stato dei luoghi dagli stessi trasgressori. Successivamente giunti in caserma, i due hanno riferito che avevano prelevato il materiale in un’abitazione in zona Tommaso Natale

Identificato il committente i Carabinieri della Stazione di Villagrazia di Palermo, dopo averlo convocato in Caserma e reso edotto delle proprie responsabilità, è  stato deferito in stato di libertà, così come il proprietario del furgone che sentito dagli investigatori ha dichiarato di aver loro prestato il mezzo dietro un compenso di 50 €. I trasportatori, il committente ed il proprietario del furgone sono stati deferiti in stato di libertà con l’accusa di smaltimento illecito di rifiuti in concorso.

Il mezzo utilizzato per il trasporto dei rifiuti unitamente a quanto in esso contenuto è stato posto sotto sequestro ed affidato al proprietario in attesa delle valutazioni della competente Autorità Giudiziaria, che ha coordinato le indagini.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X