IL CASO

Superprocura, Di Matteo: io umiliato, faccio ricorso

di
Il pm palermitano del processo sulla trattativa si rivolge al Tar del Lazio: «Minimizzata la mia biografia»

PALERMO. È stata «umiliante» l' esclusione del pm Nino Di Matteo dalla Superpro cura antimafia. E il pm palermitano del processo sulla trattativa fra Stato e Cosa nostra lamenta una «ingiusta minimizzazione» delle proprie «immagine e biografia». Le nomine di tre nuovi sostituti procuratori della Direzione nazionale antimafia provocano il ricorso del magistrato siciliano, che si rivolge al Tar del Lazio, sostenendo - attraverso gli avvocati Mario Serio e Giuseppe Naccarato - che il Csm abbia ignorato «platealmente» il «valore degli anni di sacrifici, rischi, impegno in cui si è articolata la carriera del ricorrente al servizio della giustizia».

Di Matteo, più volte minacciato dalla mafia e dallo stesso Totò Riina, è costretto a vivere con la protezione che si riserva ai Capi di Stato e però è stato superato da altri tre magistrati, nella corsa alla Dna: Eugenia Pontassuglia, pm di Bari (caso escort-Tarantini-Berlusconi), Salvatore Dolce e Marco Del Gaudio, rispettivamente di Catanzaro, impegnato nella lotta alla 'ndrangheta, e Napoli (caso Finmeccanica). Vuole la sospensiva e poi l'annullamento della decisione di Palazzo dei Marescialli, il pm del processo trattativa.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X